Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 06 Agosto 2020

Visita italo-americani a Palazzo Campanella

nucera e la senatrice Candaras

 

Il segretario-questore dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, Giovanni Nucera, ha accolto a Palazzo Campanella un gruppo di visitatori italo-americani provenienti da Boston (Massachusetts), guidati da don Joe Soronno e don James Scahill, sacerdoti delle parrocchie di Santa Cecilia e San Michele Arcangelo della grande città statunitense. Tra i visitatori, in forma privata, la senatrice del Massachusetts, Gale Candaras, del Partito Democratico, di origine greca, venuta in Italia anche per ammirare i Bronzi di Riace. Gale Candaras, esperta giuridica di diritti civili, prima della sua elezione a senatrice, avvenuta nel 2006, è stata manager influente della banca d’affari Goldman Sachs, operando nel settore ‘Equity Trading and Arbitrage division’.

Il gruppo dei visitatori era assistito da Joe Polimeni, nostro concittadino residente negli Usa.

“E’ stata una splendida occasione – ha detto Giovanni Nucera – per far conoscere la nostra terra ed un lembo della Magna Grecia a nostri emigrati, ormai da tempo integrati nel tessuto sociale americano. Il fascino dei Bronzi e dei reperti archeologici di epoca magnogreca – ha sottolineato Nucera – è molto vivo nell’opinione pubblica del mondo intero, un’opportunità unica per il turismo calabrese. Ho avuto l’onore e il grande piacere, in questa occasione, di conoscere la signora Gale Candaras, politico di primo piano dello Stato del Massachusetts, che non ha mai dimenticato le sue origini mediterranee. E’ stata anche una buona occasione, pur nella limitatezza dei tempi, per scambiare qualche opinione sugli effetti della crisi economica mondiale che interessano l’Italia e la Grecia. Sono certo che in futuro, grazie anche all’opera di Joseph Polimeni – ha concluso Giovanni Nucera – si rinnoveranno le occasioni per scambi sempre più serrati con la comunità italiana di Boston per tenere saldi le radici della nostra storia comune”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI