Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 17 Febbraio 2020

Il 27 settembre a Reggio Calabria presso l’èHotel, via Giunchi 6, dalle ore 15.30 alle 17.30, Mail Boxes Etc. (MBE) organizza un incontro per presentare le risorse messe a disposizione da enti e istituzioni per favorire la creazione di nuove imprese. Si parlerà del bando “Resto al Sud”, promosso da Invitalia con l’obiettivo di favorire  l’autoimprenditorialità nelle regioni del Sud Italia.

Il Bando “Resto al Sud” ha una dotazione finanziaria di 1.250 milioni di euro. Si rivolge ai giovani tra i 18 e i 35 anni che desiderano sviluppare un business legato alla produzione di beni e servizi.

Gli incentivi previsti dal bando riguardano interventi per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa), impianti, attrezzature, macchinari nuovi, programmi informatici e servizi di telecomunicazioni, altre spese utili all’avvio dell’attività. Le agevolazioni coprono il 100% delle spese e prevedono un contributo a fondo perduto, pari al 35% del programma di spesa, e un finanziamento bancario, pari al 65% del programma di spesa, concesso da un istituto di credito che aderisce alla convenzione tra Invitalia e ABI, garantito dal Fondo di garanzia per le PMI. Il finanziamento bancario deve essere poi restituito in 8 anni di cui 2 di preammortamento.            
Durante l’incontro i partecipanti riceveranno tutte le informazioni utili per poter accedere al bando “Resto al Sud” e beneficiare di questa importante opportunità.

MBE, tra le maggiori reti al mondo di negozi in franchising che offre servizi di spedizione, micro-logistica, grafica, stampa e comunicazione a supporto delle attività di aziende e privati, illustrerà la sua opportunità imprenditoriale. La Regione Calabria, rappresenta, da sempre, un territorio strategico per la Rete MBE. Si tratta, infatti, di un territorio che presenta molte realtà interessanti dove avviare nuovi Centri MBE. 

Nel corso del workshop, il Concessionario di Area MBE Giovanni Semeraro fornirà dati e numeri sui piani di sviluppo nel territorio.

Il nuovo presidente del Rotary Reggio Calabria è il notaio Stefano Poeta, che ha assunto la guida del più antico club della nostra regione, il secondo nella storia del Distretto 2100 (Campania, Calabria e Territorio di Lauria). Poeta succede al commercialista Andrea Campiglia, che gli ha consegnato il collare della presidenza nel corso della sobria ed elegante cerimonia del passaggio delle consegne. Si è trattato di un momento particolarmente significativo per la vita del Rotary reggino che nel 2018 celebra il settantesimo anniversario della fondazione.

Prima dell’inizio ufficiale del nuovo anno rotariano, il past president Campiglia ha tracciato all'assemblea dei soci il consuntivo dell’attività svolta. “Un bilancio positivo – ha spiegato – perché, nel rispetto della tradizione del nostro club, sono state perseguite le finalità delle linee d’azione rotariane, coniugando lo spirito di servizio con il valore dell’amicizia”.

Il presidente Poeta, da parte sua, ha posto l’accento sulla “responsabilità assunta nel guidare il club nell'anno in cui si celebra una ricorrenza così prestigiosa. Il Rotary Reggio Calabria, che ha espresso ben quattro governatori distrettuali, non vive di sola tradizione ma guarda al futuro e lavora per rafforzare il proprio ruolo di punto di riferimento della nostra comunità. Ai soci più esperti ed autorevoli – ha aggiunto Poeta – sono state affiancate, nel corso di questi anni, le energie e le idee di tanti giovani che condividono gli ideali del Rotary: risorse umane e professionali che quotidianamente vogliono impegnarsi per il service internazionale e per il civic work sul territorio”. Poeta corona così un percorso che lo ha visto assolvere, tra le numerose cariche, anche quelle di rappresentante distrettuale del Rotaract (RRD) e, nell'anno sociale appena concluso, di Segretario distrettuale.

Alla cerimonia del passaggio di consegne, tra le numerose autorità civili e rotariane, hanno preso parte il sindaco della Città metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, il governatore 2017/18 Luciano Lucania, e l’assistente del governatore 2018/19 Miryam Costa. Ad affiancare il presidente Poeta nell'anno appena iniziato sarà il consiglio direttivo così composto: Andrea Campiglia (past president), Dina Porpiglia (presidente eletto), Rosario Lo Faro (presidente nominato), Alfredo Focà (PDG e consigliere generale), Giuseppe Foti e Giampaolo Latella (vicepresidenti), Simonetta Neri (segretario), Rosario Lo Faro (co-segretario), Giuseppe Alvaro (segretario esecutivo), Antonino Foti (tesoriere), Francesco Foti (prefetto), Filippo Maltese (co-prefetto); Valerio Berti, Giuseppe Bova, Mario De Tommasi, Alessandrà Focà, Vincenzo Nociti, Mary Nucera, Vincenzo Papalia, Pasquale Penna, Basilio Pitasi, Giuseppe Quattrone e Antonino Tramontana (consiglieri); Mario Stella (delegato giovani), Antonio De Domenico (revisore dei conti) e Francesco Costantino (formatore).

 

Un successo straordinario. Un’esperienza culturale di altissima qualità, che ha trovato la condivisione del pubblico cittanovese e reggino, facendo registrare il sold out già nei giorni precedenti lo spettacolo.

La pièce “Tre civette sul comò”, prima produzione teatrale della Scuola di Recitazione della Calabria, con la collaborazione del Comune di Cittanova e di Libera, ha incantato ed emozionato il cineteatro “Rocco Gentile” di Cittanova nella serata dello scorso 1 luglio. “Un percorso umano e formativo straordinario – ha sottolineato il Direttore della SRC Walter Cordopatriche ha coinvolto tre studentesse della nostra MasterClass, gli allievi delle classi inferiori e professionalità di fama internazionale”.

“Tre civette sul comò”, dunque. Una commedia brillante scritta da Romeo De Baggis, costruita su un sapiente mix di comicità e nonsense, per la regia di Dimi de Delphes, docente SRC e attore di assoluto calibro. Un evento che si è avvalso della prestigiosa collaborazione del Direttore di Scena Paolo Merlini, professionista con oltre trent’anni di attività nel suo bagaglio. Sul palco, brave e convincenti, le attrici e diplomande della Scuola di Recitazione Annalisa Schiavone, Caterina Filardo e Domiziana Sapone.  

La storia mette al centro del focus tre anziane sorelle, economicamente povere: l’eccentrica Agnese (Domiziana Sapone), la cui follia è degna di uno dei migliori personaggi del cabaret; la premurosa e dolcemente svagata Virginia (Caterina Filardo), che, pur essendo cieca, riesce a sbrigare tutte le faccende domestiche; e la “futurista” Matilde (Annalisa Schiavone), sempre alla ricerca di una eleganza nell’abbigliamento, che ormai non può più permettersi. Complessivamente un laboratorio sociale dinamico, attuale e coinvolgente, capace di evidenziare le incongruenze e i paradossi della vita quotidiana.

Un’esperienza che ha trovato la condivisione del Sindaco di Cittanova, il quale ha ribadito la centralità della SRC nel progetto culturale per il paese e il suo territorio.

La prima produzione firmata SRC è stata un successo incredibile, andato ben oltre le aspettative, sia in termini di qualità della proposta che di partecipazione – ha spiegato il Direttore Walter Cordopatri -. Un salto di qualità notevole per l’offerta culturale della Scuola di Recitazione che, adesso, scopre nuovi orizzonti di impegno e dispiegamento sul territorio. In un unico contesto locale, nell’entroterra calabrese, si è riusciti a sviluppare un’esperienza ambiziosa, riempiendo di significati struttura, strade, paesaggi e prospettive. Il lavoro di tantissime professionalità è maturato all’interno delle nostre aule, coadiuvato da eccellenze del panorama artistico nazionale e internazionale, aprendosi ad una crescita complessiva del percorso didattico, sociale e culturale. La regia di Dimi de Delphes e la Direzione di Scena di Paolo Merini, hanno tratteggiato i contorni di uno spettacolo importante, adatto ai palcoscenici più significativi. Senza dubbio, c’è piena soddisfazione per il risultato ottenuto. Un ringraziamento – ha proseguito Cordopatri – va a De Delphes e Merlini, agli allievi della SRC e a tutti i collaboratori della Scuola. Un grazie anche a Libera, a cui abbiamo devoluto parte dell’incasso, e al Comune di Cittanova per la preziosa collaborazione”.

A colpire il pubblico, tra le altre cose, la cura dei dettagli. A partire dalla scenografia, curata da Porzia De Crea, Nick Dardano e Eurema Pentimalli. Il servizio di hair stylist e di make up artist è stato curato da Nadia Mastroieni.

Il programma di attività della SRC è proseguito nella giornata del 2 luglio con l’evento all’aperto “Essere di più – Alla ricerca di un sogno”, in collaborazione con il Comune di Cittanova, Amnesty International e Emergency. Alle ore 21,45, presso il Polo Solidale per la Legalità di Cittanova, è andato in scena lo spettacolo che ha coinvolto i ragazzi africani della Comunità “Padre Luigi Monti” di Polistena e di Emergency, insieme ad alcuni allievi della Scuola di Recitazione.  L’opera, scritta da Dimi De Delphes e diretta da Walter Cordopatri, ha raccontato il viaggio di alcuni ragazzi dalla Nigeria fino all’Italia, passando per la Libia: un messaggio di integrazione e tolleranza che si dispiega attraverso l’arte in un tempo complesso, ancora tutto da decifrare. Anche in questo caso, un successo straordinario, certificato dalla partecipazione di centinaia di persone. Qualità, competenza e condivisione di un progetto culturale ambizioso sono valori emersi con forza nella due giorni di attività organizzata e promossa dalla SRC.

Siamo di fronte a qualcosa di incredibile ed innovativo per il nostro territorio – ha concluso Walter Cordopatri -. Un qualcosa che ci avvicina ad altre realtà all’avanguardia per importanza e profondità della proposta sociale e culturale. Il successo della Scuola è merito di chi crede in una Calabria nuova, diversa e migliore”.

“Mai come quest’anno possiamo parlare di grande successo del campo estivo organizzato dal nostro Comune, in termini di numero di iscritti e di qualità delle proposte”. Lo dichiara entusiasta il Sindaco di San Roberto, Roberto Vizzari.

“Una grande soddisfazione per tutti gli organizzatori coinvolti e per l’Amministrazione Comunale che ha creduto fermamente in un’offerta variegata atta a soddisfare le famiglie, realizzata in collaborazione con lo Sport Village di Catona, che ha messo a disposizione dei nostri ragazzi tutta la grande disponibilità e professionalità del proprio staff”.

Il successo di adesioni e l’entusiasmo dei più piccoli per questa nuova avventura confermano l’importanza di un’iniziativa in grado di affiancare e di supportare i genitori nella gestione temporale dei figli nel lungo periodo delle vacanze scolastiche. 

Un impegno per soddisfare quanto più possibile anche le esigenze e i desideri dei bambini ai quali si offre opportunità di gioco e divertimento, possibilità di socializzare, inserimento in nuovi contesti.

La missione del campus intende, però, oltre ad essere ludica, anche educativa per favorire crescita e benessere dell’individuo. Non solo attività sportive, ricreative e di svago, quindi, ma anche iniziative volte a formare i ragazzi.

“La nostra lungimiranza – conclude Vizzari - ci ha premiato. Un progetto vincente che è già al secondo anno, e posso dire con grande soddisfazione che siamo stati precursori. Abbiamo dato la possibilità a tanti ragazzi residenti nel nostro paese di poter partecipare e condividere tutti insieme, momenti di svago e di intrattenimento dal sapore estivo senza gravare economicamente sulle famiglie. Le attività, infatti, sono totalmente a carico dell’Amministrazione Comunale. Un segnale importante di attenzione che testimonia la volontà di questo esecutivo di puntare sul capitale umano che ha disposizione”.

Il Campo estivo continua con le proprie attività, i ragazzi di San Roberto saranno impegnati ancora fino alla fine di luglio.

«Diffondere la cultura scientifica tra i giovani e offrire un contributo per orientarli rispetto alle informazioni che circolano sul web».

Così Gianfranco Bertone, lo scorso venerdì pomeriggio a Palazzo Alvaro ospite del Sindaco Giuseppe Falcomatà, nel presentare il Premio internazionale Cosmos che avrà luogo ogni anno in città il giorno del solstizio d'estate.

Reggino, fisico teorico all'Università di Amsterdam, Bertone è l'ideatore del riconoscimento che premierà la migliore opera scientifica in lingua italiana, pubblicata nei dodici mesi precedenti il 21 giugno.

«Coinvolgere gli studenti per un ritorno concreto sul territorio», dunque, per Bertone, «con la possibilità di confrontarsi con il mondo della ricerca contemporanea».

Ispirato al noto premio Goncourt per la prosa in francese, il Cosmos prevede due momenti: uno più tecnico affidato a una giuria di esperti, l'altro aperto alle scuole superiori per avvicinare gli studenti alle scienze.

A Carmelo Evoli, ricercatore del Gran Sasso Science Institute de L'Aquila, redattore del regolamento, il compito di illustrarne le caratteristiche e modalità di partecipazione.

Gli studenti, chiamati a valutare i testi scientifici, riceveranno un abbonamento annuale alla rivista "Le scienze" e vedranno le loro recensioni pubblicate su Repubblica.it.

Ma nell'incontro moderato da vice direttore del quotidiano nazionale, Giuseppe Smorto, c'è stata anche l'occasione per ascoltare le parole di Gaela Bernini della Fondazione Bracco.

«Non potevamo non sposare il progetto - ha spiegato- anche per l'interesse che la Fondazione investe nella promozione delle scienze tra i giovani. Attenti da sempre sul piano della formazione - ha aggiunto- incentiviamo la ricerca tra gli studenti, con borse di studio, tutoraggio e alternanza scuola - lavoro finalizzata allo sviluppo di competenze in laboratorio».

Società Astronomica Italiana e Planetario Pytahgoras Città metropolitana di Reggio Calabria in prima linea per il supporto al premio.   

Flavio Fusi Pecci, della SAIt, ha ricordato il ruolo della struttura di Via Margherita Hack nella preparazione degli studenti Olimpiadi di Astronomia e il ruolo dell'ente diretto da Angela Misiano nella divulgazione della disciplina nelle scuole e sul territorio.

Tra il pubblico anche Lucia Votano, direttore dei laboratori nazionali del Gran Sasso dell'Ifn e membro della giuria (presieduta da Bertone) assieme ad Amedeo Balbi, Roberto Battiston, Maria Luisa Chiofalo, Andrea Ferrara, Piergiorgio Odifreddi, Carlo Rovelli, Sandra Savaglio, Ginevra Trinchieri, Pierluigi Veltri e Paolo Zellini.

All'incontro è seguita la conferenza del direttore del dipartimento di Fisica Teorica del Cern di Ginevra, Gian Francesco Giudice, dal tema "Alla scoperta dei buchi neri".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI