Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 31 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:868 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1343 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1554 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1161 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1227 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1253 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1502 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1636 Crotone

"Lo sguardo bandito" per riscoprire l'identità del nostro territorio

Riscoprire l’anima del nostro territorio per ricostruirne l’identità. Un’identità nuova, che affondi le sue radici profonde nel nostro glorioso passato e che ce ne faccia sentire fieri senza per questo lasciarci inquinare e travolgere dal sentimento della nostalgia; con la consapevolezza che quel passato, la sua ombra lunga ed imperitura, ci può guidare ed indirizzare verso un altro futuro, diverso e condiviso dell’intera comunità.

Con questo spirito l’associazione “Gettini di Vitalba”, in collaborazione e con il patrocinio della Provincia di Crotone, nell’ambito della XIV^ settimana della cultura ha organizzato “Lo sguardo bandito. Luoghi, persone, memorie della provincia crotonese nell’opera di Pasolini”, con una performance di voce, corpo e musica a cura di Rosaria Macrì e Floriana Mungari. L’evento si terrà a Crotone presso i locali di “Palazzo Berlingieri” in Piazza Santa Veneranda, venerdì 27 aprile 2012, con inizio alle ore 18.00. Nel corso della serata sarà inoltre presentato il concorso riservato agli istituti di istruzione superiore della provincia di Crotone per la produzione di cortometraggi ispirati all’opera di Pasolini in Calabria. “L’iniziativa -dichiara l’assessore Lentini- celebra il legame tormentato, ma appassionato e fecondo, di un grande protagonista della cultura italiana del novecento con la nostra terra. E’ un evento di rivisitazione che merita attenzione e partecipazione ed il mio augurio è che il lavoro degli organizzatori sia premiato dal consenso e dal contributo di riflessione e di stimoli che può venire da chi ama sinceramente un territorio come il nostro, la cui ricca personalità antropologica –conclude- non mancò di affascinare un intellettuale della levatura di Pier Paolo Pasolini”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI