Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 12 Dicembre 2019

Celebrata a Isola di Capo Rizzuto la Festa della Cella

ascritti rosminiani

 

Domenica 26 febbraio la comunità parrocchiale di Isola di Capo Rizzuto, in particolare la famiglia rosminiana – padri, suore e ascritti – hanno celebrato a conclusione  degli incontri della settimana rosminiana la festa della “Cella”, l’anniversario della fondazione della Società della Carità- Istituto Rosminiano – ad opera del suo fondatore il beato Antonio Rosmini Serbati.

La fondazione dell’Istituto della Carità è avvenuta quando Rosmini, abbandonando le sue ricchezze e la vita culturale e sociale di Milano allora capitale culturale dell’Italia  del nord,  si è ritirato in solitudine sul Sacro Monte Calvario di Domodossola per iniziare un’esperienza di vita centrata sull’abbandono alla volontà di Dio e alla ricerca della santità.

Quest’anno la festa è coincisa con la prima domenica di quaresima e il Vangelo, ha sottolineato don Edoardo Scordio nell’omelia, ha messo in evidenza l’esempio grande di Gesù che spinto dallo Spirito Santo si è ritirato nel deserto prima di iniziare la sua missione.

Prendendo spunto dalla grande Croce che troneggia l’abside del Duomo di Isola, il parroco ha ricordato quanto diceva Rosmini a proposito delle “dimensioni dell’amore Crocefisso: profondità, lunghezza, larghezza e altezza. Don Edoardo ha sottolineato l’aspetto riguardante la lunghezza della Croce e della Carità che indica la perseveranza senza confini e quella tempra cosi forte che da nulla può essere vinta”.

I rosminiani, ha continuato il parroco, non sono santi ma il loro impegno è evidente e costruttivo per amore della Chiesa e dell’uomo nella sua totalità. La Comunità tutta di Isola ne è testimone e ringrazia Dio. Questo è il “Sud che salverà il nord “ come affermava il vescovo Mons. Agostino che chiamò ad Isola i Padri Rosminiani per “riedificare il tessuto sociale di questo paese”.

Al termine della festosa cerimonia, spiritualmente carica, don Edoardo a nome di tutti a salutato e ringraziato per la presenza la delegazione dell’istituto comprensivo “A. Rosmini” di Crotone nella persona della preside Prof. Ida Sisca e consorte e della vice preside prof. Erminia Zurlo e la presenza del Prof. Elio Cortese con la sua signora. La giornata si è conclusa con un sereno momento conviviale di tutta la famiglia rosminiana.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI