Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 02 Dicembre 2020

Il settore delle costruzioni dichiara il default

E’ particolarmente preoccupato e demoralizzato il Presidente di ANCE CROTONE, Luigi D’Alessandro, che ieri ha partecipato a Roma alla riunione del Comitato di Presidenza dell’Ance che ha ufficialmente dichiarato lo stato di default del settore.

“Con i colleghi di tutta Italia non abbiamo potuto fare altro che ribadire ancora una volta che l’intero settore delle costruzioni  è stretto in una via senza uscita tra l`assenza di efficaci politiche di sviluppo,  l`aggravarsi di una restrizione creditizia patologica e senza precedenti, e l`acuirsi del grave fenomeno dei ritardati pagamenti da parte delle amministrazioni pubbliche, soprattutto per effetto del patto di stabilita`.

Al Presidente Buzzetti – prosegue D’Alessandro -  abbiamo dato mandato di appellarsi al Presidente del Consiglio, Mario Monti affinche` si attivi immediatamente, coinvolgendo Ance, Banca d`Italia e Abi per mettere in campo misure capaci di ridare liquidita` alle imprese di costruzione ridotte ormai allo stremo. Sblocco dei pagamenti e revisione del patto di stabilita` interno sono gli interventi non più rinviabili in quanto dall`inizio della crisi a oggi solo nell`edilizia si sono persi a livello nazionale circa 400 mila posti di lavoro e migliaia sono le imprese che stanno chiudendo i battenti.

Dal raffronto dei dati di bilancio 2009/2011 forniti dalla Cassa Edile si evidenzia come nella nostra provincia le imprese attive sono diminuite di 92 unità, gli operai attivi sono diminuiti di 314 unità e le masse salariali denunciate sono diminuite di 3.637.803 euro. Sono dati che è superfluo commentare se non per constatare che la situazione generale attuale non ci consente il minimo ottimismo per il futuro. Rinnovo, pertanto, l’appello a tutti gli Enti e le Istituzioni  operanti nella nostra provincia affinchè attuino, per quanto di loro competenza, ogni più urgente intervento volto a cantierare le opere e soprattutto a velocizzare i pagamenti dei lavori eseguiti ed in corso di esecuzione.”

Il Presidente D’Alessandro da notizia, infine,  che il Comitato di Presidenza di Ance ha espresso la propria preferenza per Giorgio Squinzi quale prossimo Presidente di Confindustria. La conoscenza approfondita del patron della Mapei delle tematiche legate al comparto dell`edilizia, unitamente alla sua importante e strategica esperienza in campo europeo ne fanno, infatti,  per i costruttori il candidato piu` idoneo a sostenere le istanze del settore, soprattutto in questo periodo di grave difficolta`.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI