Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 25 Novembre 2020

Isola Capo Rizzuto - L’impegno dell’Amministrazione nel settore dei Servizi sociali

L’Amministrazione comunale di Isola Capo Rizzuto ha consegnato a una giovane donna in difficoltà, in procinto di diventare mamma, un pacco dono contenente generi di prima necessità per il nascituro.
Il sindaco, Carolina Girasole, ha effettuato la donazione nell’ambito di un percorso lungo e articolato, intrapreso dall’Amministrazione comunale nel settore dei Servizi sociali. Un settore nel quale operano una dipendente comunale, un responsabile di settore e due assistenti sociali, coinvolte in virtù di una convenzione biennale firmata con la Misericordia. “Una scelta – spiega il sindaco di Isola, che ha inteso trattenere per sé la delega ai Servizi sociali proprio per rimarcare l’attenzione verso questo delicato servizio - compiuta per garantire, per la prima volta nella storia dell’Ente, la presenza di professionalità specifiche al servizio di un territorio che in questo settore presenta situazioni difficili e di grande criticità”.
Tutti i servizi erogati in questo settore dall’Amministrazione sono destinati a nuclei familiari le cui gravi difficoltà economico-sociali siano state certificate e verificate.
“La scelta precisa dell’Amministrazione – spiega Girasole – è stata quella di evitare ogni forma di clientelismo. Questo è un settore particolarmente delicato; chi si trova in grave difficoltà può essere facilmente ricattabile, e in questo senso possibile preda di gente senza scrupoli o moralità. Ecco perché abbiamo deciso di fornire servizi più che contributi economici, e in entrambi i casi solo dopo accurate verifiche”. “Dare servizi e risposte a chi ne ha bisogno – prosegue il primo cittadino – è un compito dell’Amministrazione. Non è un favore che si concede a propria discrezione, né da parte degli uffici, né da parte degli amministratori. Di qui la nostra decisione di lasciare che il servizio venga gestito soltanto dagli appositi uffici comunali, sulla base di norme regolamentari che da una parte assicurano l’imparzialità e l’oggettività nella scelta dei destinatari, e dall’altra non lasciano spazio a pretese illegittime e arbitrarie dei cittadini che non ne hanno alcun diritto. È un modo per garantire la massima trasparenza, evitare la strumentalizzazione a fini elettorali, e nello stesso tempo liberare i cittadini in difficoltà dal sentirsi obbligati a “chiedere” al politico  o al dipendente di turno un servizio che in quel momento gli spetta”.

Per quanto riguarda i servizi erogati, la priorità assoluta è stata data agli ammalati e ai bambini.
Attraverso la voce di bilancio destinata a “gravi problemi di salute” il Comune garantisce il trasporto dei malati, specie quelli oncologici, verso gli ospedali di altre province grazie alla convenzione con alcune associazioni; paga i viaggi per le visite specialistiche a chi non può permetterselo; nei casi più delicati acquista le medicine il cui costo non è coperto dal servizio sanitario nazionale. In questo settore un’esperienza particolarmente significativa l’Amministrazione l’ha vissuta organizzando una grande raccolta di fondi – nella quale ha investito circa 6mila euro – per aiutare una bimba con gravissimi problemi di salute.
Da tre anni a questa parte, infine, il Comune dà la possibilità ad un gruppo di anziani di bassa fascia economica di usufruire di un breve soggiorno presso le terme di Guardia Piemontese. Servizio che si aggiunge al pranzo di fine anno organizzato con gli anziani ormai da quattro anni.
Un’altra voce di bilancio è dedicata alle “emergenze in campo sociale”: il servizio di trasporto a scuola è garantito per tutti i bambini, con l’esenzione dal pagamento per le famiglie più disagiate, a partire da ragazze madri e famiglie di detenuti. Allo stesso modo funziona l’esenzione dai ticket mensa e l’acquisto dei libri scolastici. Capitolo delicatissimo è quello legato al rapporto tra ragazzi disabili e scuola. Il servizio di trasporto disabili che il Comune di Isola garantisce per la scuole di sua competenza (vale a dire materne, elementari e medie), non viene garantito con continuità dalla Provincia di Crotone per gli studenti degli istituti superiori. “Così – spiega il sindaco Girasole - per evitare discriminazioni inammissibili, e garantire a tutti l’eguale diritto all’istruzione, l’Amministrazione comunale è andata oltre le proprie competenze, stipulando una convenzione con l’Unitalsi per il trasporto degli studenti disabili anche verso gli istituti superiori”. Sempre attraverso l’Unitalsi, il Comune fornisce un servizio di assistenza agli studenti disabili nelle scuole materna, elementare e media. Professionisti volontari s’impegnano e fornire sostegno ai ragazzi che, per ragioni diverse, non possono contare sulla presenza di insegnanti di sostegno.
Grande attenzione è riservata, infine, al “banco alimentare” e ai “beni di prima necessità”, attraverso l’erogazione di pacchi spesa per le famiglie in grave difficoltà. In particolare, tra dicembre e gennaio, sono stati distribuiti 80 pacchi, di valore commisurato al numero di componenti dei vari nuclei familiari e comunque compreso tra 100 e 150 euro. Alle famiglie con bimbi al di sotto dei tre anni, oltre al pacco spesa è stato riservato un pacco espressamente dedicato alle esigenze dei più piccoli. In pratica, gli alimenti per la primissima infanzia sono garantiti a tutte le mamme in grave difficoltà economica. I criteri di assegnazione dei pacchi spesa sono stabiliti dai servizi sociali, che provvedono ad effettuare visite domiciliari, predisponendo le relative relazioni finali.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI