Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:802 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1453 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:982 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1680 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2436 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1948 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1939 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1889 Crotone

APZ: le nuove tasse impoveriscono le aziende agricole

La nuova imposta municipale sugli immobili (IMU), l’incremento progressivo delle aliquote contributive a carico degli imprenditori agricoli, l’aumento delle imposte sui terreni agricoli, a cui va aggiunto il continuo aumento del prezzo del gasolio, che tra l’altro per le aziende rappresenta uno dei fattori più incisivi sui costi produttivi, sono elementi che rischiano di impoverire ulteriormente il tessuto produttivo agricolo e zootecnico crotonese. La nuova imposta sugli immobili colpisce anche le stalle, i fienili, i capannoni necessari per proteggere, animali, fieno, trattori e attrezzi vari, andando a colpire e tassare quelli che sono di fatto mezzi di produzione per le imprese agricole. A tal proposito lanciamo un appello ai Sindaci del territorio  affinchè possano dimezzare l’aliquota  relativa all’IMU, invitandoli ad applicare la facoltà che la legge assegna Loro  di ridurre la nuova tassa che ha eliminato ogni agevolazione dei fabbricati rurali ed elimina le riduzioni d’imposta sui terreni agricoli a favore degli imprenditori agricoli che conducono direttamente il fondo. Ci rendiamo conto dei grandi sacrifici imposti ai cittadini italiani ed è giusto che ognuno faccia la sua parte, però nel caso degli agricoltori, ci troviamo di fronte a una doppia stangata in quanto gli agricoltori oltre a pagare tutti gli aumenti previsti per i cittadini si trovano a pagare anche  questa sorta di patrimoniale agricola. Infatti l’IMU peserà sulle tasche degli agricoltori con aumenti percentuali ben più alti di chi detiene terreni per fini speculativi. Sono necessari provvedimenti equi che favoriscono la crescita, al momento non si vede nessuna azione in tal senso, ed il rischio è che si possa verificare un ulteriore ridimensionamento di un settore che in provincia rappresenta l’unico reparto economico che possa promuovere economia con le sue migliaia di imprese. E’ impensabile che dal 1989 ad oggi il prezzo della mezzena di un bovino sia rimasto lo stesso ( 1989  il prezzo della mezzena era di 7.000 lire/kg oggi è di 3.62 euro/kg pari a lire 7.009) mentre un litro di gasolio è triplicato dal 1989 ad oggi, determinando un effetto valanga anche sulla spesa con un aumento sui costi di trasporto oltre che a quelli di produzione, trasformazione e conservazione. . E’ fondamentale, affinché l’agricoltore possa continuare a produrre cibo di qualità, presiedere il territorio e continuare a fare reddito, promuovere azioni e misure in grado di sostenere l’attività produttiva. Occorre ricordare che l’agricoltura rappresenta l’espressione più alta dell’economia reale e può svolgere un ruolo strategico nel rilancio dello sviluppo del nostro Paese. Un grande Paese si riconosce da come lavora per mantenere grande la sua agricoltura, vedi USA, Germania, Francia. Se crolla l’agricoltura crolla l’ambiente, l’industria a monte e quella a valle del settore primario. Il Governo attraverso il comparto primario doveva investire in tutela ambientale, in gestione del territorio, ma anche in qualità e sviluppo commerciale verso nuovi mercati, non colpirlo con tasse e balzelli vari che saranno devastanti. Ci aspettiamo che le organizzazioni agricole tutti insieme facciano sentire le ragioni  del comparto  e si possa dare stimoli e fiducia al mondo agricolo prima che sia troppo tardi.

Il Presidente

Franco Barretta

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI