Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 24 Gennaio 2022

500 mila euro per le energie rinnovabili

“E’ un altro significativo tassello del lavoro che stiamo portando avanti cogliendo ogni opportunità legata ai fondi europei ed assegnando grande importanza all’utilizzo dell’energia da fonti rinnovabili”. Esprime soddisfazione il presidente della Provincia di Crotone, Stano Zurlo, in relazione all’ottenimento di un finanziamento, di oltre 500.000 euro a valere sul POI (Programma Operativo Interregionale) FESR 2007–2013 “Energie rinnovabili e risparmio energetico” - linea di attività 1.3. A Roma, presso la Direzione generale per l’Energia del Ministero dello Sviluppo Economico, nei giorni scorsi  è stata stipulata la convenzione. Il finanziamento riguarda un impianto “solar cooling” a servizio dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali Turistici e della Pubblicità “Sandro Pertini”. Il progetto, elaborato sotto la guida del dirigente Alfredo Voce, internamente dai tecnici del Settore Ambiente ed Energia della Provincia era stato presentato a seguito di un avviso pubblico del 30 dicembre 2010. Obiettivo del progetto è la sperimentazione di forme avanzate di produzione di energia da fonti rinnovabili nell’ambito dell’efficientamento energetico dell’edilizia pubblica. L’iniziativa è caratterizzata da innovatività ed esemplarità, privilegia le funzioni degli edifici interessati, l’integrazione architettonica e la capacità di integrazione ambientale, il mix delle fonti di energia utilizzate e le caratteristiche tecniche e tecnologiche degli impianti. Il progetto sarà realizzato a  totale carico del  POI “Energia” per un importo complessivo di 512.784,84 euro. In concreto sarà realizzato un impianto di produzione di energia termica da fonte solare attraverso pannelli solari termici. L’innovazione della tecnologia “Solar Cooling” è nella generazione del freddo con il calore del sole: l’energia solare termica attiva un ciclo termodinamico per la produzione di acqua refrigerata o per il trattamento dell’aria destinata al condizionamento degli ambienti. Il consumo di energia elettrica per il funzionamento delle apparecchiature di condizionamento e refrigerazione è ridottissimo e limitato al solo azionamento delle pompe e delle centraline di controllo. L’impianto solar cooling sarà collegato all’impianto di climatizzazione centralizzato esistente, e consentirà di conseguire un sostanziale risparmio energetico per la struttura che lo ospita, facendo ricorso diretto alla fonte energetica alternativa per eccellenza: il sole. Il progetto prevede nel dettaglio: un impianto di Solar Cooling a servizio esclusivo dell’auditorium, della biblioteca e degli uffici amministrativi, strutture sempre aperte e funzionanti tutto l’anno; un impianto solare termico a servizio esclusivo della piscina, in grado di produrre acqua calda sanitaria in tutti i periodi dell’anno. Il campo solare sarà realizzato con pannelli solari a tubi sottovuoto della superficie lorda di 450 mq; è previsto l’accumulo dell’energia termica solare (acqua calda) con serbatoi da 5.000 lt.; sarà installato un gruppo frigo ad assorbimento da 140 kW alimentato dall’energia termica prodotta dal campo solare; 2 serbatoi da 5.000 lt. saranno utilizzati per l’accumulo di acqua refrigerata prodotta dal gruppo frigorifero ad assorbimento. Il progetto consentirà per l’impianto solar cooling (raffrescamento ambienti) un risparmio stimato di 13.000 m3 di gas metano l’anno e di 92.000 kWh di energia elettrica, mentre l’impianto solare termico (riscaldamento piscina) consentirà di risparmiare 75.000 kWh l’anno di energia termica ovvero circa 10.000 m3 di gas metano all’anno. Questo significa non solo un risparmio in termini monetari, ma anche un risparmio di fonti energetiche non rinnovabili (metano), una riduzione delle emissioni in atmosfera, tra cui in particolare 162.000 kg in meno l’anno di CO2 (anidride carbonica); inoltre, viene drasticamente ridotto dell’84% il consumo di energia termica convenzionale dell’edificio, passando da un consumo specifico di 23,6 kWh/mc a soli 3,8 kWh/mc l’anno.



Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI