Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 26 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:541 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1264 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1999 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1531 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1509 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1478 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1752 Crotone

Anche Gerardo Sacco dà un calcio alla n’drangheta

Gerardo Sacco- Fabrizio Gallo

 

Domenica, 13 novembre, a Rizziconi, in provincia di Reggio Calabria, si è svolto un allenamento decisamente speciale.

Infatti, l’associazione Libera di Don Luigi Ciotti, in collaborazione con il Comune di Rizziconi, ha promosso un’iniziativa da subito sostenuta dalla F.I.G.C., nella persona del Presidente Giancarlo Abete e dal CT della Nazionale Italiana di calcio, Cesare Prandelli.

In migliaia così, tra giovani ed adulti, hanno potuto ammirare da vicino i loro beniamini, da Gattuso a Buffon, da Balotelli a De Rossi. La cosa più eccezionale però, è che l’intero evento si è svolto proprio su un terreno confiscato alla mafia, segno tangibile di quanto si possa trasformare un territorio martoriato da questo triste fenomeno, in un “campo” nel qual far rifiorire i semi della speranza, del coraggio e dell’onestà.

Per questa occasione all’orafo Gerardo Sacco (nella foto con Fabrizio Gallo, Commissario del Comune di Rizziconi), da sempre pronto a far conoscere il volto positivo e sano della Calabria, è stato chiesto di realizzare un segno che potesse esprimere il significato di questa importante iniziativa.

L’orafo ha così ideato un’opera in argento su base di cristallo, interamente realizzata a mano, con riprodotto un ragazzo nell’atto di colpire un pallone, dove la gamba è rappresentata dalla Calabria, che anche grazie a queste iniziative, “tira” un calcio alla n’drangheta.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI