Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 28 Febbraio 2021

Julio Mazziotti incanta

Julio_Mazziotti_1

 

Un concerto all’insegna della grande professionalità, è stato quello al quale abbiamo assistito Domenica 23 ottobre, presso l’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” a Crotone.

Il concerto, il primo della seconda parte della Stagione Concertistica 2011 della Società Beethoven A.C.A.M. , ha visto come ospite il famosissimo pianista e compositore argentino Julio Maziotti.

Un pianista ormai acclamato in tutto il mondo concertistico che dopo una grande esperienza nella esecuzione delle opere più importanti del repertorio classico, ha deciso di presentare ed eseguire nei numerosissimi concerti che tiene, sue composizioni.

Composizioni di libera invenzione che seguono però, un solo filo conduttore che è fondamentalmente quello descrittivo, arricchito da una musicalità ed una fantasia molto comunicativa.

Sentire le sue composizioni significa essere trasportati in una sfera dove la fantasia è libera di navigare in un immaginario senza limiti.

Non è casuale l’espressione di moltissimi dei presenti che confessavano “siamo stati coinvolti e trascinati in un fantasticare senza spazio e senza tempo” .

Julio Mazziotti ha saputo, in un italiano stentato, coinvolgere il pubblico facendosi seguire passo passo, nelle esecuzioni dei vari brani, ognuno dei quali raccontava una storia o un episodio.

Il programma comprendeva infatti:

Tema de Amor” , “Agosto” , “El Cisne Encantado” , “Salvar Un Tempo” , “Lejos del Mar”
“Adiós Nonino” (A. Piazzolla) - versione libera J. Mazziotti, “Over The Rainbow” (A. Harlen) - versione libera di J. Mazziotti, “La Danza de un Hada”, “El Día que me quieras” (C.Gardel) - versione libera di J. Mazziotti, “Doce Campanadas” , “Indicios” ,“Antología de un Guerriero”
, entusiasmi ed ovazioni ad ogni brano, da un pubblico numerosissimo e calorosissimo (la sala era gremita in ogni ordine di parte), che è stato ricambiato dall’artista con una esecuzione che ha lasciato veramente un segno indelebile.

Ci auguriamo di poter risentire il Maestro Mazziotti e condividere con lui le innumerevoli sensazioni che attraverso la sua musica sa trasmettere.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI