Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 25 Novembre 2020

Petilia, Proto: da Comune a Città

Oggi per la comunità di Petilia Policastro è un giorno davvero importante, il vostro antico borgo di impianto bizantino diventa città. Così come ha deciso il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Ed è questa la giusta occasione per ricordare e ribadire alcuni punti fondamentali che riguardano i Comuni della provincia di Crotone ed in particolare riguardo Petilia. I nostri centri danno linfa quotidiana alla città capoluogo. Petilia concede risorse umane di rilievo, basti ricordare che il sindaco di Crotone è di origini petiline. Vi è uno stretto legame, uno scambio reciproco di competenze e di professionalità. Diventare una città, significa partecipare attivamente alla costruzione del futuro di Petilia, i cittadini, insieme alle istituzioni, devono sentire il dovere di collaborare, di migliorare anche le naturali propensioni turistiche e strategiche che la città di Petilia Policastro offre. Diventare una delle ventisei città della Calabria, la quarta del territorio di Crotone, significa vedersi riconosciuto un ruolo propulsore ed è questa l’energia che servirà alla crescita di questa nuova realtà. Città vuol dire avere in sé una specificità storica, culturale, sociale riconoscibile e che arricchirà ulteriormente il territorio provinciale. Il vostro centro storico rientra tra i più preziosi della Regione Calabria, le vostre grotte carsiche sono tra le più suggestive del Sud d’Italia, i resti dell’epoca bizantina riportano a tempi splendenti, siete una eccellenza ed è per questo che chi amministra e chi vive qui deve anche pensare di pretendere un assetto urbanistico migliore, che metta in risalto le bellezze naturali e strutturali della nuova città. Sono convinto che migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini sia l’obiettivo che gli amministratori provinciali debbono raggiungere, attraverso la valorizzazione dei Comuni e delle cittadine del crotonese. Ecco perché ritengo che questa sia una buona occasione per ribadire la mia posizione sull’abolizione della provincia di Crotone così come previsto dalla manovra finanziaria voluta dal Governo Berlusconi e che prevede l’abolizione delle piccole province. L’ente intermedio, è un baluardo costituzionalmente riconosciuto che Crotone ed il suo territorio meritano di avere. Il marchesato esiste di fatto, naturalmente. Siamo un territorio indipendente, che ha in sé prerogative proprie sia geografiche, sia storico-culturali e le stesse sono di rilievo al fine delle scelte strategiche da destinare ai territori. Privarci della nostra natura sarebbe controproducente per la crescita e lo sviluppo armonico che è tra l’altro ancora in fase di costruzione. Ma è chiaro che il centro nevralgico dei nostri meravigliosi paesi e delle nostre città, non può che essere la bella e antica Kroton. Petilia può oggi dirsi orgogliosa di essere stata proclamata città della provincia di Crotone e questa è la ricchezza che dovremo difendere sempre.

Benedetto Proto

Presidente Consiglio Provincia Crotone

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI