Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 14 Dicembre 2019

Isola Capo Rizzuto - Il Centro “Matteo, 25” vince il concorso “Al di là del muro”

FOTO PER SITO

 

Si è svolta ieri sera 22 giugno 2011 presso la Villa Comunale di Isola di Capo Rizzuto, alle ore 21.00 la seconda Edizione dell'evento "Cortometraggio - Al di là del muro", organizzato dall'Associazione socio-culturale "Il Sorriso".

 

Durante la serata è avvenuta la visione di diversi cortometraggi basati su tematiche varie a sfondo culturale e sociale, realizzati dai ragazzi delle scuole elementari e medie.

 

Ospite d'onore di questa seconda edizione: Franco Neri, attore comico. Al tavolo della giuria: il regista di cortometraggi (presidente di giuria) Aldo Iuliano; i registi Pasquale Falcone e Giuseppe Martino; la Giornalista di Cn24 Daniela Colurcio; il Presidente del Consiglio del Comune di Isola di Capo Rizzuto Paolo Petrocca; il Presidente dell'Associazione socio-culturale il Sorriso Luigi Pascuzzi; e lo stesso attore Franco Neri.

 

La giuria ha avuto il compito di giudicare i cortometraggi nel complesso e nelle varie parti. La serata, presentata dalla giornalista Francesca Caiazzo ha visto l’esibizione canora di Elvya Garofalo dalla nota trasmissione tv "Io Canto".

 

La Misericordia di Isola di Capo Rizzuto, La Parrocchia Maria Assunta o ad Nives, il Centro Matteo 25 di Isola di Capo Rizzuto diretto da Rossella Loprete, la sottosezione dell’UNITALSI di Isola di Capo Rizzuto, hanno vinto il concorso presentando un cortometraggio di sette minuti dal titolo “Una multa diversa” realizzato con i ragazzi del Centro Matteo 25 e i bambini del Progetto “Studiamo per Gioco” dell’UNITALSI di Isola di Capo Rizzuto.

 

La sceneggiatura è stata curata da Rossella Loprete e Gianluca Cortese (che si è occupato anche della fotografia). Fabio Mancuso ha curato il montaggio e la regia utilizzando le musiche di Bob Marley, Michel Petrucciani, Beatles.

 

 

Sintesi del cortometraggio.

 

E’ un documentario con finale fantastico e a sorpresa.

Tutto si svolge in Isola di Capo Rizzuto tra la Via Reggio e il parco giochi del quartiere Spartitore. In un immobile confiscato alla mafia ed assegnato alla Misericordia di Isola di Capo Rizzuto, convivono due realtà del territorio, il Centro per Disabili “Matteo 25” e la sezione dell’UNITALSI che quest’anno ha portato avanti il progetto “Studiamo per Gioco” che si è occupato di ragazzi “difficili” sia per dispersione che per difficoltà di apprendimento.

 

Quest’anno i due gruppi di ragazzi, i disabili e quelli con difficoltà di apprendimento, hanno collaborato tra di loro aiutandosi reciprocamente così che si è pensato di raccontare questa esperienza. Oggetto di studio di entrambi i gruppi (tra le altre cose) è stata la segnaletica stradale, e quale occasione migliore di filmare momenti di “studio” in classe, con momenti di pratica fuori dalla stessa, sottolineando come spesso al di fuori della classe, non solo poco è costruito a misura per tutti ma anche che pochi rispettano le più semplici regole a discapito dei più deboli.

 

Ma questa volta a multare l’ennesima auto parcheggiata proprio davanti la loro sede saranno loro stessi! Non sarà una multa salata ma coloratissima.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI