Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 22 Gennaio 2021

Isola Capo Rizzuto - Concluso il progetto pilota Isola-Riace

Si è chiusa in questi giorni la prima parte del Progetto Pilota “Isola-Riace” sull’integrazione scolastica di alunni stranieri. Il progetto è nato dall’iniziativa dell’assessore regionale Mario Caligiuri ed è stato avviato nel mese di febbraio 2011 nei comuni di Isola di Capo Rizzuto (KR) e Riace (RC), in partenariato tra le due amministrazioni comunali, le associazioni attuatrici (Misericordia e Città Futura), la Direzione Didattica Statale “Karol Wojtyla” di Isola C.R., la Scuola Media “G. Da Fiore” di Isola C.R., l’Istituto Comprensivo Monasterace-Riace.

 

Le azioni hanno raggiunto quasi cento destinatari tra alunni, insegnanti e genitori, in attività di socializzazione, laboratori sull’intercultura, somministrazione di interviste strutturate. Il lavoro con gli alunni delle quattro classi pilota (di scuola elementare e media) ha confermato che l’integrazione può prendere forma solo in un lavoro di gruppo, in cui ogni alunno è messo nelle condizioni di esprimersi e presentarsi all’altro nella sua unicità. Il laboratorio è stato un viaggio ludico ed espressivo attorno a sei “tappe” fondamentali della cultura dell’accoglienza. In particolare sono state esplorate, mediante giochi interattivi e di simulazione, le sfere dell’identità personale, la percezione empatica del vissuto dei migranti, la comunicazione in contesti multiculturali, l’immigrazione attraverso i media, la negoziazione dei valori come risoluzione dei conflitti. Dalle interviste a insegnanti e genitori emerge, tra i tanti aspetti, la necessità della scuola di sviluppare strumenti e metodologie per favorire un più armonioso inserimento dell’alunno straniero nel gruppo classe, l’apprendimento della lingua italiana con l’aiuto di figure di supporto, la programmazione di spazi e momenti in cui valorizzare le culture d’origine. Indicazioni importanti che sintetizzano il punto di vista di decine di insegnanti e famiglie che in questi anni, a volte nella totale assenza di mezzi, hanno messo in atto un notevole sforzo didattico e umano. Queste esperienze, insieme alle prospettive di miglioramento emerse, necessitano ora di un potenziamento e di un sostegno di rete per fare in modo che la presenza di alunni stranieri diventi opportunità di crescita per l’intera scuola e per l’intero paese. Questo è uno dei motivi per cui, già nel suo nascere, il progetto pilota ha riunito più soggetti (scuola, comuni, associazioni) e ha favorito uno scambio di competenze maturate nel medesimo settore tra mediatori, psicologhe, insegnanti, educatori.

 

Si partirà dai lavori realizzati dagli alunni e dalle riflessioni ricavate dalle interviste per creare un opuscolo multilingue, da presentare all’inizio dell’anno scolastico 2011-2012, che verrà sperimentato nelle scuole e nei comuni come strumento di informazione e di accoglienza per le famiglie straniere che si avvicineranno per la prima volta alla scuola pubblica.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI