Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 21 Settembre 2021

Santa Severina - Il trio …

Set 10, 2021 Hits:798 Crotone

Le Colonne d’Oro di Affid…

Ago 02, 2021 Hits:2618 Crotone

Maslow: non sapevo di ess…

Lug 13, 2021 Hits:2191 Crotone

Al Ministro Franceschini …

Lug 05, 2021 Hits:2130 Crotone

A Santa Severina Chopin e…

Giu 25, 2021 Hits:1723 Crotone

Michele Affidato insignit…

Giu 25, 2021 Hits:1350 Crotone

Scaramuzza: concluso un p…

Giu 25, 2021 Hits:1261 Crotone

Scaramuzza: si è svolto a…

Giu 19, 2021 Hits:1513 Crotone

14 poltrone per il San Giovanni di Dio

Dare una nuova dignità ad un posto di estrema sofferenza. Sono state consegnate ieri al reparto di oncologia dell’ospedale san Giovanni di Dio quattordici nuovissime poltrone in vera pelle che vanno a sostituire le vecchie ormai logore e lacere. Non era più possibile neanche pensare lontanamente che pazienti chemioterapici, che devono trascorrere ore nel reparto, avrebbero dovuto continuare a sedere su poltrone che ormai avevano fatto il loro tempo. Lo stato di usura lo si può vedere dal video realizzato dai membri dell’associazione un po' di tempo fa, basta solo andare sul link https://www.facebook.com/amiamocrotone/videos/392972651579906/

Se tutto ciò è stato portato a termine con esito positivo è grazie alla perseveranza dei membri dell’associazione Crotone in fiore che nei mesi scorsi hanno attivato sui social network una raccolta fondi da destinare appunto all’acquisto di nuove poltrone, comode e confortevoli che facciano sentire accolti i pazienti in un posto che non frequentano certo volentieri. Se proprio bisogna andare a curarsi e accompagnare chi ha bisogno di queste cure, che almeno lo faccia in locali accoglienti. Il colore delle poltrone, un bel rosso acceso, è stato scelto anche in funzione di questo, dare un tocco allegria e vitalità ad un ambiente permeato di sofferenza.

Le grandi azioni, proprio perché sono tali, sono compiute da più persone. In questo caso sono stati diversi i protagonisti e ognuno per quanto possibile ha dato un contributo nel proprio ambito. L’associazione Crotone in fiore, ha lanciato l’idea, si è occupata della raccolta fondi, dell’organizzazione ma il tutto è stato possibile grazie al primario del reparto la dottoressa Tullia Prantera. Ma se le cose funzionano bene e il reparto è molto migliorato negli ultimi anni il merito è da dividere con il personale medico e infermieristico che lavora con passione, dedizione senza mai risparmiarsi.

Se tutto è stato possibile è soprattutto grazie alla generosità dei crotonesi che non si sono risparmiati e hanno permesso, con il loro contributo l’acquisto delle quattordici poltrone. Nella raccolte fondi non tutti possono concorrere allo stesso modo, si sa, c’è chi fa quello che può e chi invece supera se stesso facendo grossi sforzi. È quello che hanno fatto la famiglia Fonte e la famiglia Cataldi che quel reparto lo hanno purtroppo frequentato e il tumore ha portato via loro delle vite molto care. La famiglia Cataldi infatti ha devoluto tutto quello che aveva già incassato da una raccolta fondi parallela che aveva avviato. Notevole anche il contributo dato dall’Agm arredamenti di Cirò Marina.

Sforzi congiunti hanno portato un grande risultato a testimonianza che quando c’è la buona volontà e si fa rete si raggiungono traguardi inimmaginabili. È stato bello vedere realizzato un desiderio lungo mesi. Con questo gesto i membri dell’associazione Crotone in fiore hanno dimostrato che niente è impossibile e che invece di lamentarsi è giusto passare all’azione e fare opere concrete. Ne beneficeranno persone sfortunate colpite da una malattia difficile da vincere, ma non impossibile. Unire un ambiente comodo e accogliente alla professionalità del personale è importante ma soprattutto aiuta i pazienti.

Non può che essere molto soddisfatta la presidente di Crotone in fiore Caterina Cotroneo: “Ci auguriamo che queste accoglienti poltroncine possano contribuire a migliorare il benessere dei pazienti costretti a sostenere lunghe ore di trattamenti sanitari perché non bisogna dimenticare che prima della malattia c'é il paziente”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI