Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 23 Novembre 2020

Isola Capo Rizzuto - Visita al C.a.r.a. dell’On. Carra (Udc)

Immagine 107

 

Il parlamentare dell’Udc, Enzo Carra ha visitato stamattina il Centro di accoglienza per richiedenti asilo di S. Anna Isola di Capo Rizzuto.

 

Prima di arrivare al Cara, l’on. Carra, accompagnato dal governatore Leonardo Sacco, da don Edoardo Scordio e dall’avv. Pasquale Ribecco, ha visitato tutte le strutture e le attrezzature della Misericordia.

 

Il parlamentare, al termine della visita, si è detto molto colpito dall’organizzazione trovata nel Centro e dall’accoglienza ricevuta dai volontari. Nella visita al Cara, Carra è stato raggiunto dalla senatrice Dorina Bianchi, candidata a sindaco di Crotone.

 

“Ho potuto toccare con mano – ha sostenuto l’on. Carra all’uscita del Centro - la dedizione di chi lo gestisce, la voglia di fare degli Italiani per accogliere e per dare una risposta alle grandi contraddizioni della globalizzazione dei conflitti in corso, in un’epoca così travagliata come la nostra, a dimostrazione del fatto che gli italiani non stanno con le mani in mano. Ho trovato gente che lavora anche 24 ore al giorno, dimostrando come si fa a rispondere a questo dramma mondiale, proprio in un momento in cui in Europa non vogliono fare la stessa cosa”.

 

Sulla posizione della Francia che ha fermato il passaggio, il Parlamentare UDC ha dichiarato che “La Francia ha una grandissima responsabilità. Credo ci siano state anche forti responsabilità italiane nelle settimane passate. Si deve sapere cosa sta succedendo altrove e come l’Europa, nel suo insieme, deve fare perché pensare che ci siano altri che lo fanno per noi è una risposta sbagliata, anzi una risposta che si tradurrà in un danno per tutti noi, perché in un modo o nell’altro ci dovremmo interessare a questo tipo di situazione”.

 

Che situazione ha trovato nel Centro? “Ho visto una situazione (difficilmente confrontabile con le altre che ho visitato) di una tranquillità, di una dedizione del personale e di una disponibilità da parte degli ospiti, il che vuol dire che qui si stanno creando le condizioni giuste per questo passaggio da paesi di guerra ad una prima tappa nell’umanità e nella civiltà occidentale”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI