Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 29 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:817 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1324 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1530 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1143 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1208 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1232 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1483 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1617 Crotone

Acqua bene comune, un impegno concreto per i candidati a Sindaco

Il Comitato referendario  provinciale “2 sì per l’acqua Bene comune” di Crotone invita tutti i candidati a Sindaco del capoluogo e della provincia di Crotone a sottoscrivere una dichiarazione ufficiale sul  tema dell’acqua pubblica.

Nella dichiarazione il candidato dichiara di essere consapevole che:

  • L’acqua rappresenta fonte di vita insostituibile per gli ecosistemi, dalla cui disponibilità dipende il futuro degli esseri viventi.
  • L’acqua costituisce, pertanto, un bene comune dell’umanità, un bene comune universale, un bene comune pubblico , quindi indisponibile, che appartiene a tutti.
  • Il diritto all’acqua è un diritto inalienabile: l’acqua non può essere proprietà di nessuno, bensì bene condiviso equamente da tutti, l’accesso all’acqua deve essere garantito a tutti come un servizio pubblico.
  • Oggi in Italia se ne sta privatizzando la gestione, che non può essere scissa dalla proprietà. E’ l’acqua dunque che viene sottratta alla proprietà collettiva e trasformata in una merce, al pari di altre per trarne profitto.
  • Per impedire questa deriva un milione e 400mila cittadine e cittadini hanno chiesto un referendum per ribadire che l'acqua deve essere un bene comune, garantito dalla proprietà e dalla gestione interamente pubbliche, dalla partecipazione di cittadine e cittadini e il controllo diretto da parte delle comunità locali;

e, proprio in virtù di tale consapevolezza, il candidato si impegna a:

Sostenere le ragioni dei “Sì” sui referendum dell'acqua del 12 e 13 giugno, promuovendo la più ampia partecipazione ed informazione sul tema e, se eletta/o a promuovere e sostenere, con i mezzi istituzionali a disposizione, una politica di gestione dell'acqua finalizzata a:

  • la ripubblicizzazione del servizio idrico nella nostra città o provincia;
  • preservare e salvaguardare le risorse idriche e favorire l’accesso all’acqua per tutti, come diritto a partire dal proprio territorio;
  • ridurre il consumo e gli sprechi di acqua potabile a livello di comportamenti ed usi quotidiani, privilegiando per bere il consumo di acqua di rubinetto in casa ed a sollecitarne l’uso nei luoghi pubblici;
  • assicurare la più ampia partecipazione della cittadinanza nel controllo e nella gestione
  • ribadire l'acqua come un bene non commerciale, garantito come diritto, e per questo non disponibile a speculazioni di natura commerciale o finanziaria.

 

Il Comitato di Crotone ritiene che il momento della campagna elettorale sia fondamentale affinché i candidati possano esprimere ufficialmente la loro opinione circa la gestione dei beni comuni ed in particolare dell’acqua così da avviare un percorso condiviso e partecipativo che possa trovare compimento durante il mandato amministrativo.

Per ufficializzare la firma della dichiarazione è possibile contattare il Comitato all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o al numero 333.8103623.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI