Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Ottobre 2021

Demokratici: La vicenda dei servizi pubblici locali è drammatica

La vicenda che riguarda i servizi pubblici locali è esplosa nella sua deflagrante drammaticità. Un’ escalation che non risparmia niente e nessuno:

  • la SOAKRO, che occupa circa 110 lavoratori, nei giorni scorsi è stata dichiarata fallita;
  • l’AKROS, che occupa oltre 60 lavoratori, è da più tempo in stato comatoso e praticamente in fallimento;
  • la GESTIONE E SERVIZI, che occupa 77 dipendenti, è praticamente inattiva e da oltre sei mesi i lavoratori non percepiscono lo stipendio.

E’ questo un quadro allarmante, che procura gravi ed irreparabili danni alle imprese del sistema pubblico locale dedicate a svolgere servizi essenziali e indispensabili per la comunità e i cittadini, provocando inoltre drammatiche conseguenze e sofferenze  alle centinaia di lavoratori e alle loro famiglie.

Come dichiarato unanimamente ieri nella conferenza stampa di CIGL, CISL e UIL, questa catastrofe non è la conseguenza di un destino avverso, ma il prodotto di una incapacità e di una inadeguatezza, espressamente richiamate e riconosciute, della classe dirigente locale e dei soggetti politici e amministrativi che da anni hanno governato il Comune e la Provincia di Crotone.

Un vero e proprio fallimento che in tutti questi anni si è nascosto dietro un fiume di inutili parole e di irresponsabile inconcludenza. In particolar modo, per queste situazioni e in tutti questi anni non si è realizzata alcuna attività di cura e di prevenzione, nonostante i processi di cambiamento da più tempo in atto nel settore. Le istituzioni sono rimaste sorde e insensibili alle sollecitazioni che più volte ha espresso lo stesso governo nazionale. Ancora ieri, nel corso di una conferenza stampa, il premier Matteo Renzi ha ricordato a tutti gli amministratori locali, e pensiamo anche a quelli di Crotone, l’urgenza di provvedere ad una forte azione di riordino e di ammodernamento del sistema delle cosiddette “partecipate”. In questo senso ha annunciato che adotterà apposite e stringenti disposizioni vincolanti che imporranno processi di unificazione e accorpamento di tutti i servizi pubblici locali.

Tutto questo fa premio e dà ragione a quanto i DemoKratici (con la Kr), nel corso di questi anni, hanno sostenuto e sollecitato, più volte e tante volte, in appositi documenti e, per ultimo, nel convegno del febbraio del 2012, nel quale venne redatto un apposito “manuale” che forniva specifiche indicazioni e linee guida attraverso cui pervenire ad una efficace azione di riordino del sistema delle aziende che gestiscono i servizi pubblici nella città e nella provincia di Crotone.

Questa, come qualunque altra sollecitazione ed invito a darsi da fare, espressi da noi e da qualunque altro livello di responsabilità, compreso il governo nazionale, sono stati come al solito disattesi e si sono puntualmente infranti contro il muro di gomma che circonda i nostri amministratori e ne caratterizza le loro attività.

L’unica azione che ha saputo compiere la classe dirigente che ha guidato negli ultimi dieci anni il Comune e la Provincia è stata quella di compiere periodici, quanto inutili pellegrinaggi della speranza da Crotone a Catanzaro, presentandosi sempre con il cappello in mano e senza idee, proposte e progetti sui quali richiedere apporti e condivisioni.

Prima che sia troppo tardi e che la situazione diventi irrimediabile sarebbe quanto mai auspicabile, necessario ed opportuno, che il Presidente della Provincia, nonché Sindaco della città di Crotone, convochi tutte le forze istituzionali e politiche del territorio, insieme alle associazioni rappresentative del mondo delle imprese e del lavoro, per affrontare di petto tutte le crisi in atto, in un quadro strategico e programmatico e non solo emergenziale.

Non è più tempo di tirare a campare. Non è nemmeno il tempo delle solitudini. E’ tempo, invece, di far scendere in campo, responsabilmente ed in uno sforzo unitario e corale, tutte le energie innovative che possono aiutare a superare le difficoltà in modo coerente e in una visione di prospettiva, nell’intesse delle imprese, dei cittadini e dei lavoratori.

Coordinamento cittadino de i Demokratici Crotone

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI