Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 16 Agosto 2022

Meo: spesa gravosa per il cimitero

cancellata cimitero

Crotone sta vivendo un momento difficilissimo, un declino preoccupante che non è soltanto economico ma che coinvolge anche le coscienze.

Oramai periodicamente, siamo costretti a rilevare come in questa Città avvengano fatti sicuramente decisivi anche sotto l’aspetto simbolico, senza che su questi eventi neppure si apra una minima discussione.

Certo nessuno è depositario della verità ma proprio per questo desidereremmo che su alcune scelte che ci coinvolgono nel profondo e che mettono in seria discussione la nostra stessa identità prefigurando uno stravolgimento di quello che storicamente è stato per millenni il nostro universo valoriale, si svolga quantomeno un contraddittorio.

Qualche mese fa il “vetusto” ( ? ) grande cancello del Cimitero cittadino è stato rimpiazzato da un differente manufatto, immaginiamo, forse più funzionale alle esigenze della Città.

Per la verità farebbe anche piacere conoscere quali considerazioni abbiano indotto l’Amministrazione comunale a sostenere detta gravosa spesa e soprattutto essere informati di quale sia stata la sorte toccata alla storica e “vetusta” cancellata la cui sorte attendiamo di conoscere dai documenti ufficiali.

Sta di fatto che a tutt’oggi neppure una richiesta d’accesso agli atti prodotta dal sottoscritto in qualità di consigliere comunale che pure doveva essere obbligatoriamente evasa nel volgere massimo di tre giorni, a distanza di due mesi, ha potuto fornire una risposta a un tale interrogativo.

Ciò che però maggiormente inquieta è stata la mancata ricollocazione sulla moderna cancellata della Croce Cristiana che da sempre ha accolto i nostri defunti nell’ultima dimora.

Una tale omissione non pare sia stata il frutto del caso né di una dimenticanza.

Quale Consigliere Comunale ho potuto io stesso accertare che tale avvenimento sia la premeditata conseguenza di una precisa scelta di “laicità”, per come ha avuto modo di spiegarmi il preposto dirigente ai lavori pubblici a riguardo interpellato, vedremo se nei prossimi giorni Il Sindaco della nostra città si farà egli stesso portavoce di una posizione tanto “avanzata” e vorrà impartirci pure lui qualche lezione di laicità.

Del resto, anche se si fosse trattata di mera dimenticanza, non potremmo ugualmente esimerci dal manifestare il nostro franco sconcerto a fronte della più assoluta mancanza di attenzione su una vicenda che lo ribadiamo è un segno evidente di come in questa città si possa amministrare senza rispondere a niente ed a nessuno.

Per quanto concerne la legittimità dell’esposizione in luoghi pubblici di simboli riferibili alla religione cristiana giova riportare il ben noto e credo sempre valido parere reso a riguardo dal consiglio di Stato:
Occorre, poi, anche considerare che la Costituzione repubblicana, pur assicurando pari libertà a tutte le confessioni religiose non prescrive alcun divieto alla esposizione nei pubblici uffici di un simbolo che, come quello del crocifisso, per i principi che evoca e dei quali si è già detto, fa parte del patrimonio storico”.

Davvero perciò non si comprende chi si pretenderebbe tutelare privando l’ingresso del cimitero cittadino del simbolo della Cristianità.

Comprenderei piuttosto se il Comune si ponesse l’obiettivo di attrezzare appositi spazi perché possano celebrarsi dignitosamente in esso funzioni funebri civili, comprenderei anche, ove ne ricorrano le condizioni, che si apra un contraddittorio sulla possibilità di destinare una porzione del cimitero a coloro che non professano la religione Cristiana, ma sinceramente, nel caso di specie, questa silente iconoclastia che si traduce nell’eliminazione di un simbolo Cristiano che da sempre esisteva mi pare francamente inopportuna ed ingiustificabile.

In ogni modo per meglio comprendere la deriva nichilista che stiamo subendo in questi anni si consideri che soltanto l’anno passato ho presentato interrogazione al Sindaco ed una denunzia alla Procura della Repubblica con la quale evidenziavo che a pochi metri dal muro di cinta del cimitero era stata data alle fiamme una bara da poco oggetto di estumulazione, all’evidente scopo di spogliarla del metallo pregiato (ottone).

Tele Diogene, con le sue immagini, ebbe modo di documentare tale scempio ed i Carabinieri prontamente intervenuti confermarono purtroppo che sicuramente era stato dato alle fiamme quantomeno il coperchio di una bara.

Ebbene non mi risulta che l’Amministrazione comunale si sia mai seriamente interessata a quest’episodio non fosse altro che per domandarsi come sia stato possibile bruciare una bara a pochi metri dal muro del Cimitero; di come sia stato possibile che nessuno dei dipendenti comunali preposti si sia accorto di nulla; del perché nessuno avesse notato una colonna di fumo che ho avvistato io che pure abito ad oltre un chilometro dal luogo del rogo; né tantomeno, a tutt’oggi, nessuno si è degnato di rispondere alla mia interrogazione che di questi fatti invocava spiegazione.

Ma quello che anche in questo caso preoccupa maggiormente è certamente l’apparente apatia mostrata di fronte ad un sacrilegio che rasenta il cannibalismo.

Su un versante certo molto differente uguale se non maggiore apprensione suscita la facilità con la quale la Scuola cattolica del Sacro Cuore nel breve volgere di qualche giorno è stata cancellata e persino condannata all’oblio, una scuola che pure vantava una tradizione centenaria e che rappresentava un valore per tutti i crotonesi, per come attestato dalle migliaia di firme raccolte dal Comitato per la salvezza del Sacro Cuore, ha ugualmente visto decretata la sua fine a dispetto di ogni logica.

Non mi rimane a questo punto che rivolgere un appello alla Chiesa di Crotone perché voglia su questa condizione generale di deriva etica spendere ufficialmente una parola. Nel formulare un simile scontato appello invito associazioni e cittadini di buona volontà del tutto indipendentemente dalle loro convinzioni religiose ed ideologiche a volere condividere tale disagio e sin da subito registro l’appoggio dell’associazione Democrazia Orizzontale che tra i tanti mi ha tempestivamente segnalato la questione di cui riferisco, una vicenda tutt’altro che secondaria e che ci coinvolge tutti indipendentemente da quello che è il nostro credo piuttosto che la nostra appartenenza ideologica.

 

Consigliere Comunale

Fabrizio Meo 

 

Per l’associazione Democrazia Orizzontale

Il Presidente

Saverio Marafioti 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI