Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 13 Luglio 2020

Platea entusiasta per Bruno Forte

Bruno Francesco Leone

 

Non è facile, né semplice descrivere con parole le miriadi di sensazioni che il pianista Bruno Francesco Leone, ha saputo suscitare e trasmettere ad una platea entusiasta che non lo voleva far smettere di suonare.

La Società Beethoven in collaborazione con il Rotary Club di Crotone che sta realizzando il vero Festival Pianistico, Domenica 02 Marzo, aveva programmato il concerto nell’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” , dove l’artista ha letteralmente incantato il pubblico.

Il programma che comprendeva: W. A. Mozart “Sonata n° 3   K 281” , F. Liszt “La Leggenda di S. Francesco di Paola che cammina sulle onde” , R. Schumann “Sonata n° 2 op 22”,
era di chiara veste virtuosistica, ma nessuno poteva pensare di trovarsi di fronte un giovane esecutore che in alcuni momenti sapeva far cantare il pianoforte ancora meglio della voce umana.

Un Mozart quello eseguito che da tempo immane non avevamo la possibilità di udire chiarezza timbrica, suono vellutato, fraseggio nitido ed incisivo.

Un Mozart nel quale l’aspetto sintetico ed universale si fondeva con la sua vastità cosmica e dalla ricerca costante di uno stile contrappuntistico rinnovato dall’interno.

Un Mozart quello presentato da Leone che non è più il clavicembalista e non è ancora il pianismo Lisztiano ma che anticipa Beethoven, in Liszt invece ha sfoderato tutto il virtuosismo pianistico in quella splendida opera che è “La Leggenda di S. Francesco di Paola che cammina sulle onde” mettendo il luce padronanza della tastiera che prescinde da uno studio ferreo ed altamente professionale.

Il coronamento della serata ne è stato la “Sonata n.2 op.22” di Schumann, dove era difficile distinguere il poeta del pianoforte dal letterato.

Una liricità quella Schumaniana, realizza da Francesco Bruno Leone, nella quale il canto espressivo e profondo ne erano l’essenza.

Evocazioni di stati d’animo e di scene erano evidentissime nella stesura pianistica.

Il pianoforte era trattato come un elemento per far emergere il gioco delle diverse sonorità dell’orchestra.

Profondità d’espressione senza elementi descrittivi esterni.

Una superba esecuzione coronata da applausi calorosissimi ed una serie interminabile di bis.

Prossimo concerto Sabato sera 08 Marzo, con il Pianista russo Alexander Panfilov, vincitore del Concorso Internazionale “A.Speranza” dell’anno 2013, presso l’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” , alle ore 18.00, a Crotone.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI