Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 27 Novembre 2022

Le 4 Stagioni di Vivaldi …

Ott 29, 2022 Hits:1258 Crotone

La Maschera d’Argento di …

Ott 29, 2022 Hits:1297 Crotone

Marco Vincenzi virtuoso e…

Ott 21, 2022 Hits:1571 Crotone

Affidato realizza il nuov…

Ott 04, 2022 Hits:2263 Crotone

Successo per il pianista …

Set 30, 2022 Hits:2670 Crotone

Confindustria Crotone ha …

Set 23, 2022 Hits:2735 Crotone

Kiwanis insieme all'Unice…

Set 20, 2022 Hits:2512 Crotone

Santa Severina - Tre gior…

Set 15, 2022 Hits:3549 Crotone

Zurlo: massima attenzione alle tematiche ambientali

“L’Amministrazione provinciale da me guidata è sempre stata attenta alle tematiche ambientali perché la tutela del territorio è al primo posto dell’agenda politico-amministrativa”. E’ quanto dichiara il presidente della Provincia di Crotone, Stano Zurlo, all’indomani della seduta del Consiglio convocato per una discussione sulla richiesta di permesso per la ricerca di idrocarburi nel Mar Jonio. “Sulla problematica -dichiara Zurlo- unitamente all’assessore all’Ambiente Salvatore Claudio Cosimo ed ai tecnici dell’Ente Voce e Filice abbiamo scritto ai Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico con la quale chiediamo l’intervento del principio di precauzione giusto art. 301, d.lgs. 152/2006”. “Si ritiene -si legge nella missiva- di dover sottoporre ad ulteriore attenzione quanto segue: la grande frana sottomarina in prossimità della costa crotonese, di cui si è pubblicata notizia da Geographycal Research Letter (su ricerche dell’INGV, CNR, Università della Calabria, di Messina e Roma Tre) nello scorso mese di settembre, acuisce le preoccupazioni sulle problematiche geologiche e sismiche già oggetto di osservazioni di questa Provincia sui recenti procedimenti VIA relativi a ricerche petrolifere nel mar Jonio. In particolare –prosegue la missiva inviata ai Ministeri- si teme che i problemi di subsidenza e della faglia di Cirò Marina, la subsidenza e la grande frana sottomarina del crotonese, il movimento annuale di otto millimetri del crotonese verso sud-est (in contrasto con il movimento della Calabria di cinque millimetri/anno verso nord), possano degenerare violentemente anche a causa di eventuali squilibri tensionali sulle cavità sotterranee interessate da sfruttamento di idrocarburi.   Il mar Jonio è “chiuso” in una estensione relativamente modesta ed in effetti una eventuale perdita di idrocarburi non potrebbe minimizzarsi in nessun modo. In particolare si teme il disastro ambientale ed effetti gravi sulla salute sia a breve che a lungo termine. Quanto sopra, oltre le altre osservazioni già espresse di concerto con l’assessore pro-tempore all’Ambiente Ubaldo Prati, aggrava il rischio di pericolo di vita, tanto da richiedere, come si chiede, l’intervento del principio di precauzione giusto art. 301, d.lgs. 152/2006”.

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI