Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 04 Febbraio 2023

Istituto S. Anna e Coni i…

Feb 02, 2023 Hits:115 Crotone

Al Nautico laboratori con…

Gen 26, 2023 Hits:319 Crotone

Parte il progetto "M…

Gen 21, 2023 Hits:413 Crotone

Virtuosità tecnica, liris…

Gen 21, 2023 Hits:403 Crotone

La pizza Crotonese a Sanr…

Gen 07, 2023 Hits:722 Crotone

Maria Taglioni: è' tornat…

Gen 07, 2023 Hits:708 Crotone

Per gli "Amici del t…

Gen 07, 2023 Hits:729 Crotone

PMI DAY 2022: Studenti in…

Gen 07, 2023 Hits:677 Crotone

FdI: «Rompiamo il muro di silenzio intorno alle trivellazioni nello ionio»

«Siamo molto preoccupati per il muro di silenzio che è caduto intorno alle trivellazioni per la ricerca di idrocarburi richieste da alcune multinazionali e riguardanti la costa ionica calabrese». La costituente regionale di Fratelli d’Italia ha già espresso, in passato e pubblicamente, la propria contrarietà all’azione messa in piedi dalle multinazionali del petrolio «un’azione – ribadiscono i dirigenti del partito - che va fermata immediatamente, perché mette in pericolo tutto il sistema ambientale ed economico della costa ionica».

Nell’ultima riunione di coordinamento regionale, tenutasi proprio a Crotone, i componenti della costituente, Gianfranco Turino, Ernesto Rapani, Franco Bevilacqua e Ubaldo Prati, hanno ribadito la propria contrarietà, ma soprattutto si sono stupiti del silenzio istituzionale e politico calato sulla vicenda.

«Siamo allibiti – dichiara Gianfranco Turino, portavoce regionale del movimento – per questo silenzio complice che la politica calabrese sta inscenando. Non si può più stare zitti mentre qualcuno attenta al nostro bene più prezioso: il nostro mare. Vogliamo rompere questo muro di omertà e ribellarci a questo progetto che assomiglia ogni giorno di più all’ennesimo sopruso ai danni dei calabresi».

Fratelli d’Italia si era già appellato alla politica calabrese chiedendo di fare fronte comune contro questo disegno che mette a rischio non solo il nostro ecosistema, ma tutto lo sviluppo economico che, con tanti sacrifici e tantissimi sforzi, gli imprenditori calabresi stanno cercando di costruire.

«Proprio per questo – sottolinea il consigliere provinciale di Cosenza e dirigente regionale del partito, Ernesto Rapani – abbiamo deciso di chiedere la convocazione di un Consiglio provinciale congiunto tra Crotone e Cosenza, da tenersi a Rossano, aperto all’apporto di tutti i sindaci della costa, dei parlamentari regionali e nazionali e ai contributi delle associazioni del territorio. Vogliamo e chiediamo che la politica per una volta metta da parte le proprie divisioni e si unisca in una battaglia in difesa del nostro territorio».

Rapani ha già presentato la richiesta al presidente della Provincia di Cosenza, e lunedì verrà protocollata la richiesta alla Provincia di Crotone.

«Non siamo disponibili – dichiarano Turino e Rapani – a perdere ulteriore tempo su questa vicenda. Siamo pronti a diventare i “No-Triv” della Calabria e a guidare il dissenso del nostro popolo».

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI