Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 06 Dicembre 2022

Tesoriere: Scopelliti dovrebbe dimettersi

Sono trascorsi più di tre anni di gestione Scopelliti e la nostra regione attraversa il periodo più critico e drammatico di tutti i tempi.

Alla vigilia delle elezioni del 2010, Scopelliti prometteva ai calabresi che con la sua vittoria elettorale avrebbe cambiato la nostra regione con una nuova classe dirigente degna di questo nome per finalmente mettere in atto un nuovo modello gestionale teso a garantire tutti i diritti ai cittadini calabresi, a migliorare i servizi e finalmente a dare concrete risposte ai giovani, creando nuove opportunità di lavoro.

Si impegnava anche in seno al partito, ad operare un profondo rinnovamento per la crescita di nuove figure giovani per il rilancio del partito con la promessa di incidere in maniera del tutto diversa dal passato.

Si arrogava il diritto di scegliere e proporre i candidati da inserire nelle liste per la competizione elettorale regionale, affermando di valutare personalmente i requisiti morali di ogni singolo candidato e di premiare le persone che sono state sempre vicine al partito.

Nulla di tutto ciò.

Il risultato delle sue scelte lo abbiamo registrato con le continue notizie di cronaca apparse sulla stampa.

Scopelliti è stato un vero fallimento sia per la politica calabrese che per il suo partito.

I problemi della Calabria sono rimasti irrisolti ed anzi si sono ulteriormente aggravati, collocando la nostra regione agli ultimi posti in qualsiasi settore.

L’ambiente, la sanità, i trasporti, le politiche giovanili sono i settori tra i più drammatici e critici che vedono i calabresi penalizzati rispetto ai cittadini delle altre regioni, ma Scopelliti imperterrito continua a negare l’evidenza dei fatti davanti agli occhi di tutti e proclama sempre con i media di avere risolto quasi tutto, perché finalmente ha imboccato un nuovo percorso per fare politica e risolvere i problemi.

Annuncia giornalmente l’arrivo di una pioggia di milioni di euro nelle cinque province e subito dopo gli annunci o vengono smentiti dai fatti concreti o vengono dimezzati per ripianare il bilancio regionale.

L’ultimo caso è quello del finanziamento per portare alla luce l’antica Kroton; il finanziamento ammontava a cento milioni di euro, ma strada facendo è stato dimezzato a sessantacinquemilioni, perché con delibera della giunta regionale approvata lo scorso 8 agosto, trentacinque milioni di euro sono stati destinati per ripianare parte del debito sanitario e parte per altre poste di bilancio.

Speriamo che per l’inizio dei lavori restino almeno in campo i sessantacinquemilioni di euro!!

I costi delle consulenze esterne sono aumentati rispetto al 2008 e conseguentemente quale è il nuovo modello politico di Scopelliti rispetto al passato? quali benefici ha portato la sua pseudo azione politica? Soltanto proclami e parole, null’altro!!

Con il suo modo di fare ha creato un enorme malcontento nel suo partito in tutte le province compresa la sua per le scelte personali operate.

Nella provincia di Crotone ha ignorato gli storici appartenti a Forza Italia e agli ex AN per nominare vice presidente della regione Antonella Stasi, imprenditrice unitamente al suo coniuge, nel settore della sanità privata, con un evidente status di conflitto di interessi.

Ci piacerebbe conoscere direttamente da Scopelliti i criteri adottati per questa sua personale scelta caduta su una persona estranea alla politica attiva come la Stasi, proprio per capire il nuovo modello di politica inteso e tanto sbandierato.

Nel Pdl crotonese si è registrato un evidente esodo compreso quello del sottoscritto per la mancata agibilità politica.

Per risollevare le sorti della Calabria Scopelliti dovrebbe prendere atto del suo fallimento e dimmettersi senza indugio, oltre che a dimettersi da coordinatore regionale, lasciando ad altre figure autorevoli presenti nel suo partito nelle cinque province, il gravoso compito di ricostruire il partito.

Ottavio Tesoriere

ex consigliere regionale

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI