Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 26 Gennaio 2021

Il Card. Coccopalmerio inaugurerà l’anno sociale dei Giuristi Cattolici di Crotone

L’Unione locale di Crotone dei Giuristi Cattolici Italiani è lieta di comunicare che venerdì 30 novembre c.a., alle ore 18,30, si terrà presso la Sala Convegni San Giuseppe (Parrocchia San Paolo) di Crotone, l’inaugurazione dell’anno sociale dell’unione, che avrà come tema: I valori giuridici non negoziabili.

Relatore dell’incontro sarà Sua Eminenza Rev.ma il Card. Francesco Coccopalmerio, Presidente del Pontificio Consiglio dei Testi Legislativi, nonché Consulente Ecclesiastico Centrale dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani.

Introdurrà l’incontro l’Avv. Giancarlo Cerrelli, Vicepresidente Centrale dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani, nonché Presidente dell’Unione locale di Crotone dei Giuristi Cattolici.

Interverranno S. E. Rev.ma l’Arcivescovo di Crotone Mons. Domenico Graziani, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, il dott. Raffaele Mazzotta e il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Crotone, Avv. Salvatore Iannotta.

Il convegno intende porre all’attenzione quei valori cosiddetti non negoziabili, che sono:

“- tutela della vita in tutte le sue fasi, dal primo momento del concepimento fino alla morte naturale;

- riconoscimento e promozione della struttura naturale della famiglia, quale unione fra un uomo e una donna basata sul matrimonio, e sua difesa dai tentativi di renderla giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che, in realtà, la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo insostituibile ruolo sociale;

- tutela del diritto dei genitori di educare i propri figli.

Questi principi non sono verità di fede anche se ricevono ulteriore luce e conferma dalla fede. Essi sono iscritti nella natura umana stessa e quindi sono comuni a tutta l'umanità. L'azione della Chiesa nel promuoverli non ha dunque carattere confessionale, ma è rivolta a tutte le persone, prescindendo dalla loro affiliazione religiosa. Al contrario, tale azione è tanto più necessaria quanto più questi principi vengono negati o mal compresi perché ciò costituisce un'offesa contro la verità della persona umana, una ferita grave inflitta alla giustizia stessa.” (Benedetto XVI).

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI