Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 28 Aprile 2017

"Black Island"…

Apr 20, 2017 Hits:262 Crotone

"Maria Taglioni…

Apr 20, 2017 Hits:262 Crotone

A San Leonardo di Cutro s…

Apr 18, 2017 Hits:341 Crotone

Wecar Crotone perde in ca…

Apr 12, 2017 Hits:421 Crotone

A gonfie vele il gemellag…

Apr 04, 2017 Hits:735 Crotone

Santa Spina a Umbriatico…

Apr 01, 2017 Hits:661 Crotone

Successo della "Mari…

Apr 01, 2017 Hits:642 Crotone

L’arte di Michele Affidato a Bruxelles

On. Pino Arlacchi Michele Affidato  Luigi Fedele  Giuseppe Soluri

 

Si è svolta dal 12 al 16 novembre, presso la sede di Bruxelles del Parlamento Europeo una mostra archeologica organizzata dalla Società “Progetto Magna Graecia”, in house alla Regione Calabria e dalla Direzione Regionale Soprintendenza Beni Archeologici della Calabria. In esposizione sette tesori del patrimonio archeologico europeo, tra i maggiori reperti dall'arte Magno Greca calabra: a rievocare storia e splendore delle colonie Magno Greche, sono arrivati infatti a Bruxelles la Testa del Filosofo, il Kouros di Reggio, il Dioscuro di Locri, il Toro Cozzante di Sibari, la Stele marmorea di Crotone, l’Elmo Corinzio di Vibo Valentia e il Cratere con scene di caccia di Gioia Tauro.

Insieme ai sette pezzi del patrimonio archeologico regionale, il 13 ed il 14 novembre scorsi, hanno trovato spazio nella mostra del Parlamento Europeo anche le eccellenze del settore agroalimentare, artigianato e manifatturiero della Calabria di oggi. “Alle radici dell’Europa. Progetto Magna Graecia, un grande passo davanti a noi”, era il titolo dell’iniziativa organizzata dalla Società “Progetto Magna Graecia”, presieduta dall’eurodeputato Pino Arlacchi e diretta da Antonella Freno che hanno scelto l’arte orafa di Michele Affidato quale simbolo della Calabria che produce e si fa apprezzare nel mondo.

L’orafo crotonese ha quindi preso parte alla due giorni belga per portare la sua testimonianza di artigiano ed artista che trae costante ispirazione dalle radici magno greche della sua Crotone nell’esercitare un’arte antica, elaborata con sensibilità moderna, tenendo bene in mente insegnamenti e tradizioni lontane di secoli, arricchite da esperienze personali. Così Michele Affidato ha definito la sua attività: “E’ su questo legame tra antico e moderno, tra artigianato tradizionale e nuove interpretazioni, che ho incentrato la mia arte che viene esercitata in un processo creativo, con il quale coniugando storia e attualità si realizzano gioielli in cui l’antica tradizione magno-greca si sposa a linee più moderne”.

“Sono fiero ed orgoglioso – ha aggiunto l’orafo crotonese - di essere calabrese, una terra in cui da sempre si sono contraddistinti uomini di cultura, artisti ed artigiani che ispirandosi alle proprie origini hanno realizzato creazioni eccezionali. L’augurio per noi tutti è che iniziative come questa possano continuare a dare lustro alla nostra amata terra e concorrere comunque alla realizzazione di un più ambizioso progetto che è quello di una Europa unita che sia luogo comune di prospettiva per tutte le nazioni che vi concorrono”.

“Esprimo tutta la mia gratitudine alla Regione Calabria agli organizzatori di questo evento ed in particolare agli onorevoli Pino Arlacchi e Antonella Freno che mi hanno permesso di essere qui presente, quale portatore di un messaggio artistico culturale che partendo dalle proprie radici si proietta in una prospettiva di sviluppo e di sempre nuovi e maggiori orizzonti”, ha concluso Michele Affidato che al termine del suo discorso a Bruxelles, ha offerto al padrone di casa, l’europarlamentare Pino Arlacchi, una scultura in argento raffigurante la colonna di Capocolonna.

Arlacchi nel suo intervento ha invece sottolineato che per offrire un racconto normale della Calabria occorre combattere luoghi comuni e pregiudizi, illustrandone le positività, valorizzandone le eccellenze e le esperienze virtuose, e trasferendo cultura e tradizioni anche oltre i confini della Regione, e coinvolgendo le nuove generazioni. “Parlare di una Calabria normale – ha dichiarato Arlacchi – significa partire dal riconoscerne in pieno limiti e difetti, ascoltando allo stesso tempo i segnali di risveglio che sono molti incoraggianti. Occorre mettere da parte ogni forma di vittimismo e combattere la cattiva abitudine del lamento. In Calabria si incrociano ogni giorno storie di cittadini, imprenditori e politici che dimostrano nei fatti come sia possibile lavorare con efficienza e onestà, realizzando ottimi risultati”.

“La nostra regione sta vivendo un periodo di crisi molto forte, una crisi globalizzata che però da noi si sente di più. Abbiamo bisogno di trovare indirizzi di progressione e credo che quello artistico possa essere un veicolo per combattere questa crisi”, è la riflessione di Michele Affidato che aggiunge: “In Calabria ci sono tanti artisti eccezionali che ognuno nel proprio settore con l’aiuto delle nostre istituzioni potrebbe trovare nuovi mercati che ancora esistono in giro per il mondo”.

Al convegno ospitato dalla sede del Parlamento Europeo di Bruxelles erano presenti, oltre agli onorevoli Arlacchi e Freno, la Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria, Simonetta Bonomi, Francesco Prosperetti Direttore Generale Regionale per il Ministero dei beni culturali, l’assessore regionale ai Programmi speciali Ue Luigi Fedele, il responsabile Ansa Calabria Filippo Veltri, Gucci, Macri, Manfredi, Gregorio Corigliano ed il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Giuseppe Soluri.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI