Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:803 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1453 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:982 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1680 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2436 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1948 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1939 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1889 Crotone

Ance: Pagamenti in 30 giorni forse i costruttori resteranno fuori

“Il decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri del 31 ottobre u.s. che recepisce la direttiva 2011/7/Ue sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali tra imprese e tra pubbliche amministrazioni e imprese, risolve parzialmente il problema di fondo delle imprese edili. - dichiara Luigi D’Alessandro Presidente dei costruttori crotonesi - E’ stato evitato l'aumento dell'aliquota IVA del 10% e questa è una buona notizia sul versante della pressione fiscale anche in previsione di misure a favore della riduzione del Cuneo fiscale. Sarà fondamentale, poi, escludere la detraibilitá degli interessi passivi sui mutui dal tetto massimo dei 3.000 euro che va a incidere negativamente sul mercato immobiliare, giá vessato da un'eccessiva tassazione, e sui risparmi delle famiglie.

Ma la “madre di tutte le battaglie” non può ancora dichiararsi vinta – avverte D’Alessandro - il decreto di recepimento della Direttiva europea sui ritardati pagamenti , infatti, necessita di chiarimenti inequivocabili sull’applicabilità della norma anche ai lavori pubblici ".

Sembra chiaro, infatti, che la Pubblica Amministrazione dovrà pagare i suoi creditori di norma entro trenta giorni (analogo il termine per i rapporti tra imprese) e che il decreto legislativo si applicherà ai contratti conclusi a partire dal 1° gennaio 2013. Ma nel testo del provvedimento non è esplicito il riferimento al nostro settore.

Da qui il timore del varo di una norma che incredibilmente andrebbe a punire ulteriormente le tante imprese che chiedono di essere pagate per i lavori che hanno eseguito e che sono in grave difficoltà a causa delle inefficienze dello Stato.

Non posso credere – conclude il Presidente di Ance Crotone - che il nostro Governo pieno di economisti non abbia voluto ratificare quanto è già previsto nella Direttiva Europea affossando definitivamente il settore anticiclico dell’economia per antonomasia.

Sarebbe di una gravità senza precedenti e provocherebbe una dura risposta da parte delle 30.000 imprese appartenenti alla filiera delle costruzioni e dei loro circa 3 milioni di dipendenti.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI