Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Ottobre 2021

Spending review, l’on. Salvatore Pacenza (PdL) sugli esiti del Consiglio straordinario

<<In un clima di profonda apprensione, generata dall’annunciata cancellazione delle Province di Crotone e Vibo nell’ambito del decreto spending review, è sicuramente un’iniezione di fiducia la risposta corale fornita quest’oggi dal Consiglio regionale della Calabria che ha detto un secco no al provvedimento del governo>>.

Così il presidente del Comitato regionale per la qualità e la fattibilità delle leggi, Salvatore Pacenza (PdL), sugli esiti della seduta straordinaria del Consiglio regionale con l’unico punto all’ordine del giorno: “Provvedimento del Governo di soppressione delle Province di Crotone e Vibo Valentia - Dibattito e conseguenti determinazioni”.

<<Conforta – commenta l’onorevole Salvatore Pacenza – che l’Assemblea di palazzo Campanella, così come i rappresentanti istituzionali degli altri territori non interessati dagli accorpamenti, si siano stretti in difesa delle due Province calabresi inserite fra quelle a rischio. Una sensibilità, questa, mostrata anche e soprattutto dal governatore Giuseppe Scopelliti e dalla sua giunta, nonché dal presidente del consiglio Francesco Talarico. Anche se è doveroso sottolineare che la presa di posizione è frutto dell’accordo e della responsabilità maturati in tutti i colleghi seduti tra gli scranni del Consiglio regionale. Grazie a loro, infatti, l’esecutivo regionale avrà mano libera per sporgere ricorso in Corte costituzionale qualora il provvedimento venga approvato in Parlamento. Adesso, però, la palla passa ai parlamentari calabresi – prosegue l’onorevole Pacenza – che, da qui a qualche settimana, saranno chiamati a votare il documento in aula. Ma potranno farlo con uno spirito diverso. Questo perché, anche se verranno a trovarsi in una posizione differente rispetto a quella assunta dal partito d’appartenenza in merito ai contenuti del decreto proposto dal governo Monti, sapranno di avere dalla loro il conforto della Calabria e di tutte le istituzioni che la governano. Del resto, è nell’interesse dei cittadini e del mandato elettorale che questi ci assegnano – conclude il consigliere regionale del PdL – che trova sostanza e giustificazione l’azione politica intrapresa in certi frangenti dai vari rappresentanti istituzionali. Perché sono loro l’estensione più alta e incisiva ai vari livelli rispetto le istanze avanzate da un dato territorio>>.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI