Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 27 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:960 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1529 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1053 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1754 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2513 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2018 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2008 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1959 Crotone

Bianchi (Pdl): "Piano Severino" va fermato

"Il Piano del ministro Severino di smantellamento della giustizia sul territorio calabrese va fermato. Non ci sono le condizioni, neanche minime, perché il nostro territorio possa sopportare l'impatto di ridimensionamento del provvedimento governativo senza gravissime conseguenze e ripercussioni per la sicurezza e la convivenza civile delle nostre comunità". A dichiararlo, la senatrice del Pdl, Dorina Bianchi.

"Se il Governo, partendo da premesse sbagliate intende arrivare a conclusioni errate, chiudendo alcuni importanti uffici giudiziari in Calabria - precisa l'esponente politico del Pdl - non farà altro che alimentare tra i cittadini il senso di abbandono dello Stato e aumentare la percezione di impunibilità e pervasività capillare delle 'ndrine il cui fatturato illecito stimato è pari a ben 44 miliardi di euro. Un vero e proprio atto di resa da parte dello Stato di fronte alla criminalità organizzata che affligge e mortifica il nostro sistema imprenditoriale costringendolo a gettare la spugna o a cedere ai coercitivi ricatti dei principali sodalizi criminali operanti sul territorio".

"In questo quadro allarmante - conclude la senatrice calabrese, Dorina Bianchi - l’ultima stesura del decreto apre alcuni possibili spiragli per la permanenza di alcuni uffici, definiti come presidi di legalità che dovrebbero sostituire le attuali sedi giudiziarie collocate in edifici pubblici. È necessario, entrare a gamba tesa e con collegiale determinazione in questa possibile opportunità, per proporre una batteria di indicatori "sensibili" che ci consenta di garantire il mantenimento funzionale e scongiurare la soppressione di una serie di uffici attualmente a rischio".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI