Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:806 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1454 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:983 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1681 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2437 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1949 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1940 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1890 Crotone

Presentata l’iniziativa “Uno sviluppo per una forte identità comunitaria”

Conf. stampa Parco Pitagora

 

Questa mattina, presso la sala “Dionigi Caiazza” della Casa della Cultura, è stata presentata l’iniziativa “Uno sviluppo per una forte identità comunitaria”. L’evento avrà luogo il prossimo 9 luglio, a partire dalle ore 17,00, presso il Giardino di Pitagora a Crotone ed è stato organizzato dal Consorzio Jobel, in collaborazione con la Fondazione per il Sud e con la partenership del Comune di Crotone.

«Sarà una giornata ricca di eventi – ha detto il presidente di Jobel Santo Vazzano – e sarà suddivisa in due momento fondamentali: uno culturale in cui si potranno ammirare alcuni esempi delle attività che si svolgono quotidianamente nel parco, come mostre, spettacoli, laboratori; e un altro momento in cui invece si presenterà il piano di sviluppo territoriale vero e proprio che abbiamo ideato, con la Fondazione con il Sud, proprio per la promozione del Giardino».

Dunque tra mostre naturalistiche, fumetti, sculure, spettacoli dedicati ai più piccoli, laboratori divertenti di matematica, ma anche fisica e chimica e momenti di coesione sociale che saranno gestiti dalle cooperative sociali Agorà Kroton e Kroton Community, ci sarà veramente ogni tipo di attività e spunti di ogni genere.

Ma come ha sottolineato lo stesso Vazzano, il momento più importante sarà quello del convegno, al quale parteciperanno, oltre alle più alte istituzioni locali, anche il vescovo di Campobasso e presidente della C.E.I. Giancarlo Maria Bregantini e il presidente della Fondazione con il Sud Carlo Borgomeo. Ci saranno inoltre il presidente del Consorzio Beni Culturali Italia Andrea Ferraris e il presidente di Federcultura turismo e sport di Confcooperative Lanfranco Massari.

Alla conferenza stampa è intervenuto l’assessore alla cultura del Comune di Crotone Piero Cotronei, il quale ha dichiarato: «Il Giardino di Pitagora si sta affermando sempre di più come il collante urbano del centro cittadino con il quartiere di Tufolo-Farina che è anche il più popolato. Siamo molto soddisfatti del lavoro che abbiamo fatto con il consorzio Jobel, perché era molto importante affidare la struttura con una certa urgenza per evitare che fosse costantemente oggetto di atti vandalici. Dunque vanno bene le iniziativa culturali, ma è soprattutto sul turismo scolastico che bisogna puntare».

Anche l’assessore all’urbanistica Vincenzo Mano e l’assessore ai lavori pubblici Claudio Liotti hanno partecipato alla conferenza stampa sottolineando l’importanza che questo parco riveste nei piani strategici di sviluppo della città. Mano ha anche sottolineato che il Comune si sta impegnando per infrastrutturale il Giardino, all’interno del quale è già attiva una linea di Wi-Fi e presto si provvederà a terminare il museo per rendere il più fruibile possibile la struttura.

Il Comune di Isola Capo Rizzuto ha appoggiato l’iniziativa per le ragioni che ha spiegato il sindaco Carolina Girasole: «Riteniamo che la cultura non sia un fatto cittadino, ma un fatto provinciale. Crediamo che questo piano di sviluppo sia importantissimo per Crotone, inoltre nelle intenzioni di Jobel c’è la volontà di rendere i beni confiscati alla mafia oggetto di turismo scolastico e questo rientra pienamente nel nostro progetto di valorizzazione di questi beni che sono della comunità. In questi giorni ci sono già i volontari che lavorano nei campi e la nostra intenzione è di aprire anche le altre strutture a tutti».

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI