Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 05 Dicembre 2021

Aeroporto di Crotone; Stasi: “Lo scalo è in crescita e strategico per il territorio”

La Vicepresidente della Regione Antonella Stasi – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – evidenzia che “il piano che sarà approvato prima della fine dell’estate, al momento prevede l’esclusione dell’Aeroporto Sant’Anna dagli aeroporti definiti “nazionali”, ovvero quegli aeroporti che continueranno ad avere supporto e sostegno di fondi statali per i servizi aeroportuali.

Ecco perché - sottolinea - già nei giorni scorsi, assieme al Presidente Scopelliti abbiamo incontrato il Ministro Passera al quale è stata preannunciata un’ampia relazione tecnica inviata proprio ieri da parte della Regione Calabria, accompagnata da una lettera ufficiale del Presidente della Regione, a supporto e sostegno dell’infrastruttura crotonese. Abbiamo lavorato in questi mesi ed investito come Giunta Regionale in quella che riteniamo infrastruttura regionale indispensabile. Certo – aggiunge la Vicepresidente - il piano di razionalizzazione è indispensabile in un momento in cui l’Italia ha bisogno di recuperare risorse, ma sarebbe uno sperpero di danaro pubblico provocare la chiusura dell’unico scalo tra quelli in perdita che perde molto poco e potenzialmente potrebbe chiudere i propri bilanci a pareggio nei prossimi tre anni, prima e più antica infrastruttura aeroportuale della Calabria. Gli sprechi ci sono altrove, basta guardare cosa succede a Foggia, Salerno e soprattutto al Nord, dove insiste uno scalo ogni 50 km di comoda autostrada e con aeroporti come il Montechiari (emblema dello sperpero) considerato uno scalo fantasma ma che continua a produrre ingenti perdite. I dati di traffico del Sant’Anna sono positivi e lasciano intravedere una crescita rapida. Il 2010 si è chiuso con un +93% sul 2009. Il 2011 si è chiuso con un +25% sul 2010. I primi sei mesi del 2012 registrano un +17% sullo stesso periodo del 2011 con una previsione di chiusura che si attesta sui 160.000 pax e che lascia ben sperare nel poter raggiungere i 500.000 passeggeri nei prossimi 10 anni. L’auspicio è che il Ministro possa riconsiderare le valutazioni fatte alla luce dei dati forniti e soprattutto delle considerazioni più generali, considerato che per garantire le pre-condizioni di uno sviluppo equilibrato, l’Italia va considerata come un unico spazio economico di vita, all’interno del quale colmare i divari fra le varie aree del Paese: l’area ionica della Calabria, in rapporto alle altre della stessa Regione e della penisola, evidenzia rilevanti gap in termini di accessibilità territoriale e mobilità di merci e persone, e stante la carenza di reti stradali, marittime e ferroviarie, solo lo sviluppo del traffico aeroportuale potrà consentire la crescita economica del territorio sia per le conseguenti ricadute di tipo diretto che indiretto e indotto. Il declassamento dell'aeroporto di Crotone a infrastruttura regionale è una decisione che va contrastata in tutti i modi e per questo, con il massimo dell’impegno, continueremo a lavorare nei prossimi giorni per far arrivare forte la nostra voce a Roma, per il momento con le proposte, con l'auspicio di non dover arrivare alle proteste.”

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI