Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 25 Marzo 2019

Organizzata da Alleanza Cattolica, venerdì 15 marzo 2019, alle ore 18,00 presso l’Arcivescovado in piazza Duomo a Crotone, si terrà una conferenza dal titolo: Europa sì, questa Unione Europea no.

Introduce Ernesto Nudo, responsabile provinciale di Alleanza Cattolica.

Relaziona Domenico Airoma, Procuratore aggiunto NapoliNord e vicepresidente del Centro Studi Livatino.

In vista delle prossime elezioni europee del 26 maggio 2019 Alleanza Cattolica vuole offrire alcuni importanti spunti di riflessione a tutti coloro che hanno a cuore il bene comune e vogliono contribuire alla realizzazione di un futuro migliore per il nostro continente. La vera contrapposizione non è tra europeisti e antieuropeisti ma tra chi difende l’attuale Unione Europea di burocrati, poteri forti e banche e i sostenitori di un’Europa dei popoli, salda nelle sue radici cristiane e che sola può difendere e promuovere la dignità della persona umana e una società più giusta.

Il Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone) aderisce alla Giornata Nazionale del Paesaggio promossa dal MiBAC proponendo, giovedì 14 marzo 2019, alle ore 10.00, l’incontro con Costanza De Simone, archeologa presso l’ufficio Unesco del Cairo, esperta di Nubia ed Egitto. Verrà affrontato il tema Patrimoni culturali “in conflitto”. Il caso della Regione Araba, in felice coincidenza con la mostra fotografica Occhi sul Mediterraneo attualmente in corso presso lo stesso Museo di Capo Colonna sino al prossimo 31 marzo 2019, mostra che affronta questioni legate all’immigrazione e alle devastazioni nei territori di guerra, soprattutto in Medio Oriente.

Nel frattempo si è conclusa la Settimana dei Musei, indetta sempre dal Ministero dal 5 al 10 marzo, e che ha visto una consistente partecipazione di pubblico, anche grazie ad un ciclo di iniziative promosse dal Museo Archeologico Nazionale di Crotone: giovedì 7 marzo si è svolta la presentazione del Monetiere che è stato illustrato dalla numismatica Giorgia Gargano assieme all’archeologo SABAP Alfredo Ruga; venerdì 8 marzo è stato possibile visitare il Museo in compagnia del Direttore; mentre sabato 9 marzo il prof. Francesco Lopez ha tenuto una conferenza sul tema “Il cuore nella medicina egizia”.

Nel corso della Settimana dei Musei sono state registrate ben 918 presenze al Museo di Crotone e 1.015 al Museo e Parco di Capo Colonna.

Il Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone) e il Museo Archeologico Nazionale di Crotone, entrambi diretti da Gregorio Aversa, afferiscono al  Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello.

Nove allievi del Liceo Linguistico ed una allieva del Liceo Economico-sociale G.V. Gravina hanno effettuato, dal 25 febbraio al 4 marzo, la seconda fase dello scambio linguistico-culturale con alcuni allievi francesi del Liceo Louis Lapicque di Èpinal, in Lorena. La prima fase era già avvenuta nel 2018, dall'8 al 15 aprile ad Èpinal.

Gli studenti italiani hanno ricambiato con partecipazione ed affetto l'accoglienza agli ospiti francesi. Gli allievi e i due professori francesi, durante la loro permanenza a Crotone, sono stati accolti e guidati dalla prof.ssa Agata Iaquinta (referente) e dal prof. Luigi Scalise e sono stati ospiti presso i loro corrispondenti italiani.

Gli allievi francesi, distribuiti nei vari corsi, hanno partecipato alle lezioni tenute dai professori del Liceo ospitante; gli stessi allievi hanno vissuto l'ambiente familiare dei corrispondenti italiani.

I francesi sono andati alla scoperta del territorio calabrese, apprezzando il paesaggio e i monumenti di Crotone, ivi compresi il Museo Archeologico Nazionale della città, il Museo di Capocolonna, il Museo e il Parco Pignera.

Hanno scoperto il pittoresco borgo di Le Castella, hanno visitato il Museo di Reggio Calabria e passeggiato sul lungomare della città reggina. Hanno gustato ed apprezzato le specialità gastronomiche dei posti visitati, hanno usato le lingue italiana e francese per comunicare con i loro coetanei, hanno cantato canzoni in entrambe le lingue, hanno condiviso giochi ed emozioni. Entrambi i gruppi hanno allargato i loro orizzonti linguistici e culturali.

Gli allievi italiani ospitanti e i corrispondenti francesi sono stati: Carlo Alberto Caccia, Luisa De Rito, Federica Giuda, Antonio Guarino, Maddalena Lentini, Maria Fatima Miletta della V CL, Maria Antonietta Brasacchio della III CL, Maria Lourdes Lorenzano e Francesca Mannolo III AL, Luigina Nicoletta della III A ES.

Al termine della settimana, stanchi, ma soddisfatti, tra lacrime ed abbracci, i due gruppi si sono separati. Positiva e molto partecipata è stata l'esperienza per entrambi i gruppi. Tre allievi francesi torneranno a Crotone, durante l'estate per trascorrere le loro vacanza.

Si è svolto nei giorni scorsi, presso la Sala Verde di Palazzo Chigi, l’incontro ufficiale tra i dirigenti nazionali della Federazione Italiana Tradizioni Popolari e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Da sempre la Federazione Italiana Tradizioni Popolari  è impegnata nella promozione di una serie di progetti legati alle tradizioni ed alla valorizzazione della musica popolare. Diversi i temi trattati durante il cordiale e piacevole incontro con il Premier, tanti i progetti che la Federazione intende promuovere a circuito nazionale.
Per la Fitp erano presenti, tra i vari dirigenti nazionali,  il Presidente Regionale della Calabria Marcello Perrone e i tre dirigenti nazionali calabresi Gerardo Bonifati, Franco Fedele e Franco Megna. Ospite anche il maestro orafo Michele Affidato, entrato a far parte della Federazione che, per l’occasione, su richiesta del Presidente nazionale Benito Ripoli, ha realizzato un’opera consegnata direttamente nelle mani del Premier, che ha molto apprezzato: una base in cristallo che sorregge una pietra di “agata da geode”, nella quale è stato inserito un bassorilievo in argento con il logo della Federazione dipinto con smalti a fuoco. "La tessera della Federazione Italiana tradizioni popolari - commenta Michele Affidato - ha un significato molto particolare per me, visto che si tratta di una federazione che da sempre valorizza un aspetto fondamentale della cultura: la tradizione, in ogni suo aspetto. Con il nostro lavoro siamo alla costante ricerca del bello, quella stessa bellezza che la tradizione custodisce gelosamente e che, attraverso il lavoro di Federazioni come la Fitp, creano concrete possibilità di crescita e sviluppo".

Mai, come Domenica 24 febbraio avevamo avuto la sensazione e la piacevole consapevolezza, che l’Auditorium del liceo musicale “ O stillo “ fosse e si rivelasse un vero salotto artistico d’altri tempi.

Le due artiste Vilma Campitelli, Flauto e Antonella Barbarossa, pianoforte sono state capaci di regalare, al numerosissimo pubblico presente, formato in prevalenza da giovani studenti futuri musicisti, sensazioni e atmosfere di tempi passati

La scelta di un programma fatto di pezzi brevi ma molto intensi sotto il profilo dell’impatto emotivo, brani che parlavano al cuore prima che all’udito, supportati da una esecuzione a dir poco perfetta, è stata la carta vincente che ha tenuto inchiodati in sala tutti gli astanti, rapiti al punto che anche un respiro più intenso avrebbe certamente disturbato.

Un duo Campitelli- barbarossa, che sembrava respirare insieme, fuse in una simbiosi artistica la cui esecuzione sembrava scaturire da un unico elemento.

Un duo, la cui esecuzione era pensata non in forma metodologica, ma individuando per ogni partitura la trasposizione strumentale più adatta.

Una ricchezza timbrica rivelatrice dove ogni nota rivela un caleidoscopio di sensazioni non banali ma solo di servizio

Piani sonori delineati dal dialogo fra i due strumenti che creavano armonie antiche e ancestrali.

Rotondità di suono che plasmavano molteplici cambi d’umore delle melodie presentate

L’antico e il moderno in un dualismo sempre più pregnante nello scavare in fondo all’anima

Il programma, dicevamo che partiva da composizioni del ‘700 per concludersi con la presentazione ed esecuzione di una prima assoluta della compositrice Eva  Lopszyc (“Preghiera degli angeli”) comprendeva:

T. Paradis – “Sicilienne” (trascriz. per flauto e pianoforte di P.Paubon), G. Tailleferre – “Pastorale”, A. Casella – “Barcarola”, L. Boulanger – “Nocturne”, M.Ravel – “Pasvane pour une infante defunte”, C.Bolling - dalla Suite California: “California” (tema principale), “Love Theme”.

Una vera e unica serata nella quale la musica ha scavato nell’animo di tutti coloro che erano presenti certamente un solco profondo e indelebile.

Alla fine del concerto una breve presentazione di uno degli ultimi lavori della flautista Vilma Campitelli il  “Compendium Musicae Flauta”

Un catalogo colossale per flauto di compositrici. Ossia quasi tutto quello che esiste nei tre continenti di tutte le composizioni al femminile partendo dal flauto per arrivare ad organici fino a 12 elementi

Un’opera unica nel suo genere che rende giustizia ad una realtà artistica al femminile spesso trascurata, non conosciuta o ignorata.

Una serata dove la musica, nei più alti livelli, è stata la vera protagonista.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI