Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 26 Giugno 2019

La Camera di commercio di Crotone esprime soddisfazione per l’istituzionalizzazione dell’Enoteca regionale nel Cirotano.

“Non possiamo che esprimere plauso al Consiglio regionale che ha concluso l’iter legislativo per l’enoteca regionale con la scelta del Cirotano quale sede per la ‘Casa dei vini di Calabria’ – è il commento del presidente dell’Ente camerale Fortunato Roberto Salerno – Il Cirotano rappresenta la sede naturale per l’enoteca regionale perché vanta un diritto che affonda le radici nella storia, nella qualità e nei numeri delle produzioni vitivinicole”.

“I meriti di questo traguardo vanno in particolare al Consigliere Salvatore Pacenza ed alla Vicepresidente Antonella Stasi. Il Consigliere Pacenza, che già nell’aprile 2009 aveva depositato un disegno di legge per istituire nel territorio cirotano la sede dell’Enoteca regionale, ha sostenuto tale proposta con grande senso di responsabilità e costante dedizione anche nel corso della presente legislatura; mentre non sarebbe stato possibile raggiungere tale importante successo senza il forte impegno della Vicepresidente Antonella Stasi che sin dai primi mesi del suo mandato ha sostenuto l’iniziativa accelerando i tempi di approvazione della delibera e dando un forte impulso alla proposta”.

“Ancora una volta l’amministrazione regionale ha attestato grande attenzione verso le peculiarità del nostro territorio con la finalità di valorizzarle a vantaggio dell’intera regione. Le eccellenze agroalimentari del crotonese, ed in particolare le produzioni vitivinicole che già tanto lustro garantiscono alla nostra Calabria, contribuiscono a creare l’immagine positiva di una regione produttiva e operosa. E’ questa la Calabria che vogliamo e non può che basarsi sulla spinta propulsiva della pubblica amministrazione al mondo imprenditoriale”.

“Superiori a qualsiasi campanilismo che, in ogni caso, sarebbe deleterio, è necessario ora che ci impegnano per il reale insediamento sul territorio della ‘Casa dei vini di Calabria’ ed per renderla, grazie alla sinergia tra le istituzioni ed i tanti validi imprenditori che operano nel settore vitivinicolo, uno strumento efficace e snello per la promozione dei vini crotonesi e calabresi in tutto il mondo e, di conseguenza, per lo sviluppo del sistema delle aziende, dell’occupazione e del territorio”.

Le aziende operanti nei settori OLIO, AGROALIMENTARE e TURISMO avranno tempo sino al prossimo 10 febbraio per presentare la manifestazione di interesse per partecipare alla seconda edizione del Progetto Southern Italy Agri Food and Tourism (SIAFT).

Il Progetto SIAFT è realizzato, nell’ambito del programma d’internazionalizzazione delle imprese, dalla Camera di Commercio di Crotone, in partenariato con le  Camere di Commercio di Cosenza, Foggia, Potenza, Reggio Calabria e di Matera con la sua Azienda Speciale CESP, e consiste nell’incoming di operatori provenienti dalla Germania, dalla Svezia, dagli USA, dal Belgio e dal Lussemburgo.

L’evento, si svolgerà in diverse tappe: a Crotone per le aziende del settore VINO, a Potenza per le aziende del settore ALIMENTARE, a Foggia per le aziende del settore OLIO e a Matera per le aziende del settore TURISMO.

L’iniziativa, che sarà introdotta da un incontro formativo propedeutico agli incontri commerciali (da tenersi presso l’Unioncamere di Roma il 3 marzo 2011), si aprirà con una serie di incontri B2B (Business to business) con operatori del settore VINO provenienti dai Paesi esteri da svolgersi a Crotone il 23 marzo 2011.

Per gli incontri saranno allestite singole postazioni host per le aziende selezionate, con tavolo per esposizione, attrezzature necessarie per degustazione e colloqui personalizzati).

Gli incontri B2B proseguiranno poi a Foggia per il settore OLIO (4 maggio 2011); a Potenza per il settore ALIMENTARE (27 maggio 2011); a Matera per il settore TURISMO (8 giugno 2011).

Il progetto si chiuderà con un’azione di marketing territoriale consistente nella visita guidata di operatori turistici esteri nelle 6 province coinvolte dal progetto (Matera, Potenza, Foggia, Crotone, Cosenza e Reggio Calabria) nel periodo compreso dal 10 al 16 giugno 2011.

Le aziende possono manifestare il proprio interesse all’iniziativa inviando entro il prossimo 10 febbraio 2011, via email (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), la scheda di adesione (disponibile sul sito camerale) e la scheda dati aziendali compilate in ogni sua parte, allegando copia del materiale promozionale aziendale in lingua inglese (brochure, depliant, ecc.), n. 3 immagini e logo aziendale in formato JPEG alta definizione o TIFF.

Saranno ammesse a partecipare aziende agroalimentari e del settore turismo con sede legale nella provincia di Crotone, regolarmente iscritte alla Camera di Commercio e in regola con il pagamento del diritto annuale camerale.  Ai fini della definizione dell’ammissione farà fede l’ordine cronologico di arrivo delle domande pervenute presso gli uffici della Camera di Commercio di Crotone. L’ammissione all’iniziativa comporterà il pagamento da parte delle aziende di un contributo pari ad € 150,00.

Per maggiori informazioni contattare gli uffici della Camera di Commercio di Crotone – Ufficio Internazionalizzazione Tel. 0962.66.34.229 – 207 - 228 (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

“Parla di Me”…Queste le tre semplici parole che mi ha rivolto un signore, dopo avermi avvolto in un caloroso abbraccio. Una persona con notevoli difficoltà fisiche ed economiche che è venuto a chiedere aiuto presso gli uffici della cooperativa.

In questi giorni ho cercato di capire in che modo avrei potuto parlare di lui, della sua grande dignità, ma anche del suo disperato bisogno di aiuto.

E “osservando” il via vai di gente che si rivolge a noi in cerca di un aiuto, anche minimo, soprattutto per poter sfamare le proprie famiglie, ho preferito parlare di lui, in nome di una povertà che nella nostra città non conosce più differenze di classe.

Immigrati, tossicodipendenti, pensionati, operai, gente che non t’aspetti, tutti legati dallo stesso comune denominatore: “l’indifferenza” di chi li circonda...

Oramai, ed è questo il dramma sociale più grande, nemmeno facciamo più caso all’indigenza che colpisce un bel pezzo della società crotonese, con le istituzioni che sembra se ne siano lavate totalmente le mani.

Non esistono dormitori per i senzatetto che, specie nei periodi invernali , rischiano ogni notte la loro vita. Non basta dare un piatto di pasta come, per fortuna, fa l’unica mensa dei poveri esistente sul nostro territorio. Non esistono neanche bagni pubblici. E se quindi non si riescono a garantire i bisogni primari, come possiamo sperare di poter dare una vita migliore a queste persone?.

Purtroppo sembra che le politiche sociali siano passate in secondo piano, ma io credo che proprio in periodi come questi, siano invece il primo strumento con il quale le istituzioni locali possono stare vicino ai più deboli.

Non ci stiamo rendendo conto che giorno dopo giorno nascono nuovi poveri: licenziati, precari e tutti coloro che stanno vivendo sulla propria pelle il disfacimento dell’economia del nostro paese.

Non è più un problema che investe pochi elementi emarginati dalla società, ma quello di molte famiglie che non possono accedere nemmeno al servizio sanitario, perché diventato troppo caro per le proprie possibilità.

Ed il quadro generale illustra purtroppo  una situazione allarmante, che andrà sempre a peggiorare.

Per questo motivo i nostri politici, impegnati nei prossimi mesi a fare promesse, ed a creare illusioni per poter guadagnare qualche voto, devono svegliarsi, e smuovere sinceramente le proprie coscienze, ed iniziare a pensare a cosa si può e si deve fare per combattere questo terribile dramma sociale.

Probabilmente  per molti non è ancora evidente, ma non passerà molto tempo perchè questo degrado si espanda a macchia d’olio. Ed a quel punto sarà veramente molto arduo tornare indietro.

Io dico che dobbiamo alzare la testa, e con la stessa dignità del signore che si è rivolto a noi,  iniziare a parlarne,  facendo rete a lavorando insieme per un unico obiettivo .

Politica, mondo del volontariato, sindacati e tutte le rappresentanze del territorio devono dire basta  all’indifferenza. Un sentimento invisibile e molto diffuso, che “sembra” non appartenerci, e che si abbatte inesorabile come una scure, verso coloro i quali la subiscono ormai inermi, ed in silenzio…

 

Presidente Coop.Soc.Agorà Kroton

 

Pino Piero De Lucia Lumeno

Carlozzo_miniera

Martedì mattina,  nella sala Giunta della Provincia di Crotone,  si è tenuto un incontro dedicato alla vicenda della vendita del sito minerario di Belvedere Spinello con il collegato stabilimento di Cirò Marina. All’incontro hanno partecipato l’assessore provinciale al Lavoro, Pietro Durante, il dirigente Antonio Leto coadiuvato dal funzionario delle Attività produttive Giuseppe Bombardiero, il capo di Gabinetto Dionisio Gallo, il capo struttura della vice presidenza Antonello Amato ed il sindacalista Cgil Francesco Gatto. “La Provincia –dichiara l’assessore Durante- ha inteso riaccendere l’attenzione su questa vicenda per verificare con la proprietà, in vista di un prossimo incontro, la  reale capacità tecnica, economica e finanziaria della società acquirente Gita Holding Ag. E’ indispensabile -aggiunge- che vengano garantite sia la continuità produttiva che quella occupazionale. A tal proposito si rende necessario la costituzione di un tavolo istituzionale che metta assieme gli enti locali interessati ed i sindacati di categoria per portare avanti congiuntamente un’azione di vigilanza. Non vorremmo infatti –conclude l’assessore Durante- trovarci davanti al tentativo di un mero trasferimento avente come unico scopo una dismissione non controllata”.

Natura Energia Territorio: è questa la denominazione della società consortile costituita oggi a Crotone con l’obiettivo di candidarsi alla gestione del Polo regionale di Innovazione per le energie rinnovabili, l’efficienza energetica, le tecnologie per la gestione sostenibile delle risorse ambientali.

 

Il nuovo soggetto giuridico nasce al termine di un importante lavoro di promozione delle opportunità e dei vantaggi per le Imprese legati alla adesione ai Poli di Innovazione portato avanti nei mesi scorsi da Confindustria Crotone e dal Parco scientifico e tecnologico di Crotone, con la collaborazione del Consorzio L’Acquario di Reggio Calabria, presso cui ha sede l’articolazione tematica sulle risorse ambientali, l’Associazione nazionale dei Parchi scientifici e tecnologici l’Università  Mediterranea e l’Università della Calabria.

 

La composizione del Consorzio risponde all’obiettivo di integrare aziende, esperienze e competenze calabresi e di altre regioni del Nord e del centro Italia sui temi dell’energia e dell’ambiente, con una vocazione articolata sui sistemi e le  tecnologie innovative per le biomasse, la bioedilizia, il solare ed il fotovoltaico, l’eolico d’alta quota ed  il risanamento ambientale.

 

Per questa prima fase transitoria, Amministratore unico di NET è stato nominato Mario Spanò, attualmente Presidente del PST di Crotone che ha dichiarato: “L’obiettivo ora è quello di definire per NET un’agenda di lavoro importante in cui inserire non solo la candidatura al Polo di Innovazione ma anche la partecipazione al bando sui Distretti ad alta tecnologia. Su questo stiamo già lavorando favorendo l’incontro tra le Imprese ed i centri di Ricerca e le Università al fine di orientare la collaborazione con il mondo scientifico verso la domanda di innovazione delle Imprese. L’entrata in NET del Parco scientifico e tecnologico di Navacchio (PI), una realtà consolidata nel panorama italiano, costituisce un elemento di forza che ci consentirà di rafforzare le nostre competenze e di proiettarci anche in altri territori per stimolare e favorire l’innovazione e le opportunità di lavoro per le nostre imprese”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI