Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 15 Luglio 2020

Saracena - Terremoto, assemblea su vie di fuga

Fenomeni sismici, ecco i punti di raduno in caso di terremoto: il campo sportivo per la zona nord ed il piazzale delle scuole medie in contrada San Filippo, per la zona sud, nel territorio comunale. Ieri, lunedì 28, un’assemblea straordinaria con i cittadini a seguito delle ripetute scosse avvertite nel territorio pollinare, durante la notte. Nei prossimi giorni si terranno incontri rionali e nelle scuole. Obiettivo: prevenire e sensibilizzare i cittadini a comportamenti corretti in caso di terremoto. Stop al panico. I terremoti non sono prevedibili. Ovviamente inattendibili le informazioni in merito che circolano anche su Internet.

 

I cittadini, intervenuti numerosi, sono stati rassicurati nel corso dell’incontro ospitato dalla sala consiliare di via Carlo Pisacane. Allo stesso ha partecipato insieme alla giunta comunale e ai tecnici del comune, anche il sindaco Mario Albino GAGLIARDI.

COSA FARE, DUNQUE, IN CASO DI TERREMOTO?

 

Se si è in luogo chiuso – è stato ribadito nel corso dell’incontro – bisogna cercare riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante o sotto una trave; può proteggere da eventuali crolli. Ripararsi sotto un tavolo. Allontanarsi, perché pericoloso, da mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero cadere addosso. Non scale ed ascensore. Le scale sono la parte più debole dell’edificio e l’ascensore può bloccarsi e impedire l’uscita. Se si è in auto, non sostare in prossimità di ponti, di terreni franosi o di spiagge. Potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami.

 

Se si è all’aperto – è stato spiegato – bisogna allontanarsi da costruzioni e linee elettriche; potrebbero crollare. È necessario rimanere distanti, dunque, da impianti industriali e linee elettriche. Stare lontano dai bordi dei laghi e dalle spiagge marine. Evitare di andare in giro a curiosare e raggiungere le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale. Evitare di usare il telefono e l’automobile. È necessario lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi.

 

L’Amministrazione Comunale è in continuo contatto con Prefettura e Protezione Civile regionale ed è di concerto con quest’ultima, che ha individuato le zone di raccolta e le diverse vie di uscita e i percorsi da osservare per raggiungere i due siti: il campo sportivo per la zona nord ed il piazzale delle scuole medie in contrada San Filippo, per la zona sud

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI