Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 16 Gennaio 2021

Cassano Ionio - Giovanni Papasso ha incontrato candidati e cittadini per progettare insieme il riscatto di Cassano

La corsa è oramai partita, il traguardo è lontano ma, usando metaforicamente un’immagine del ciclismo, l’entusiasmo di tutta la squadra del centrosinistra unito a sostegno di Giovanni Papasso candidato a sindaco è tale da rendere il percorso sempre piacevole e ricco di spunti per riflettere e suggerire idee nuove per il rilancio del territorio.

Ieri sera, presso la Sala Consiliare di Palazzo di città, lo stesso candidato sindaco Giovanni Papasso, i dirigenti locali ed i candidati del PSI, PSDI, PD, SEL, IDV, unitamente agli altri candidati delle due liste civiche “Per Amore di Cassano” e “Progetto per Sibari, Doria, Lauropoli e Cassano”, si sono ritrovati per continuare a confrontarsi su programmi ed obiettivi da far conoscere e spiegare agli elettori in questa campagna elettorale. Il fatto più importante della serata di ieri è stato che all’incontro hanno partecipato anche molti cittadini comuni, l’aula consiliare del Municipio di Cassano era praticamente gremita di gente. Il fatto ancor più bello è che vi erano anche tanti bimbi e ragazzi, i futuri dirigenti, “Segno questo che anche le giovani generazioni si sentono coinvolte finalmente in un programma di rilancio della propria terra”, hanno spiegato i rappresentanti delle sette liste di centrosinistra scese in campo.

“Con grande soddisfazione di tutta la coalizione che mi sostiene – ha esordito Giovanni Papasso nel suo intervento introduttivo – constatiamo che stasera c’è molta più gente qui che non l’altra sera al comizio del governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti a sostegno del candidato sindaco di centrodestra. Una chiara testimonianza di come le nostre idee stanno iniziando a circolare nell’opinione pubblica. Noi assieme a tutti i cittadini di questo Comune vogliamo costruire un futuro diverso per Cassano e lo faremo all’insegna della Trasparenza, Partecipazione e Condivisione”. “Scopelliti e tutto il centrodestra con il suo sbagliato modello “Reggio Calabria” ha fallito – ha continuato Papasso – e la gente lo ha capito, tanto che la manifestazione elettorale a sostegno del candidato sindaco di centrodestra non ha avuto una significativa partecipazione”.

Numerosi sono stati poi gli interventi da parte dei candidati intervenuti. Nicola Leone, Antonio Giannicola, Mariangela Maritato, Pasquale Cirolla, Valeria Greeco e Guido Turato, questi sono solo

 

alcuni che hanno espresso la loro opinione nel dibattito, in rappresentanza delle sette liste a sostegno di Giovanni Papasso, i quali hanno posto l’attenzione su temi importantissimi per Cassano: disagio sociale e necessità di solidarietà sociale, integrazione delle persone disagiate e dei disabili, loro accessibilità al Palazzo ma anche alle opportunità della vita, rilancio turistico del territorio. Temi importanti sui quali tutti i 112 candidati delle sette liste di centrosinistra vogliono confrontarsi e progettare idee di rilancio.

Il dibattito è poi passato su un grave fatto di cronaca verificatosi l’altro ieri nell’alto Jonio cosentino, dopo che una donna di 79 anni di Trebisacce, colpita da un infarto, è deceduta su un’autombulanza del 118 che dalla sua abitazione la stava trasportando verso il più vicino ospedale di Rossano dotato di Utic: “siamo profondamente addolorati per questa vicenda, la signora deceduta non ha potuto contare sulle tempestività delle cure, che forse le avrebbero salvato la vita. “Sino a pochi giorni fa a Trebisacce vi era nell’ospedale cittadino e di tutto l’Alto Jonio, un reparto di cardiologia all’avanguardia, ma questo con delibera del 26 marzo 2012 è stato chiuso, insieme a tutto l’ospedale di Trebisacce, ospedale di frontiera, dalla Giunta Regionale Scopelliti – ha spiegato con amarezza Giovanni Papasso – Un taglio grave che si ripercuote sulla salute dei cittadini. Un fatto grave, quello della morte della settantanovenne trebisaccese, ribadisco, che ci mortifica, avvenuto nel mentre Scopelliti veniva a Cassano e quindi nell’Alto Jonio, a sostegno del candidato sindaco di centrodestra, a suggerire la sua ricetta fallimentare. Ci spieghino Scopelliti e tutti le forze politiche di centrodestra cassanese, assieme al candidato a sindaco, che lo sostengono, la logica di questi tagli nell’Alto Jonio a servizi essenziali che hanno ricacciato questo territorio nell’angolo della Calabria e dell’Italia e nell’isolamento. Ci spieghino perché invece altrettanti tagli non sono stati operati nella provincia di Reggio Calabria, la provincia di Giusepope Scopelliti. orami viviamo in una terra in cui non si ha neppure il diritto alle cure ed alla salute – ha continuato lo stesso Papasso. Ci spieghino ancora quelli del centrodestra come si può dirottare una popolazione così vasta, in un territorio, l’Alto Jonio, così ampio, verso un unico ospedale Spock, per giunta al collasso. Lo avevamo detto qualche giorno fa, “c’è il rischio che la gente muoia durante il trasporto verso l’ospedale più vicino”. Purtroppo il presagio si è verificato. Scopelliti e tutti i suoi sostenitori, anche a Cassano, hanno sulla coscienza questa morte che forse si poteva evitare con cure tempestive”

Altro tema importante del confronto di ieri sera è stato la partecipazione dei giovani ed il loro coinvolgimento attivo nella società, sostenendo le loro idee imprenditoriali, sostenere i giovani che orami sentono la politica lontana: “Per fronteggiare questa apatia, sostenere le famiglie disagiate ed i giovani vogliosi di fare nella propria città abbiamo pensato a misure di sostegno come il Credito giovanile ed il Credito Rosa per le giovani. Misure idonea a sostenere le idee imprenditoriali di questa particolare categoria che sono il futuro della città. Abbiamo pensato anche a mutui da concedere sempre ai giovani ed alle famiglie disagiate con i tassi di interesse a carico del Comune. Sempre a sostegno delle categorie disagiate che ci sono nel nostro comune, forse in questi ultimi tempi in misura maggiore rispetto al passato ad un Banco alimentare ed ad altre misure concrete”. Concludendo Papasso ha rivolto un accorato appello a tutti gli elettori cassanesi: “La crisi profonda che la Città di Cassano sta vivendo, sotto ogni aspetto della vita sociale, impone a ciascuno uno sforzo maggiore verso una politica di effettivo cambiamento, che deve essere intesa come DOVERE, IMPEGNO, METTERSI AL SERVIZIO di una comunità che ha voglia di voltare pagina, di crescere e progredire, in uno spirito collettivo, di CONCORDIA , di PACE SOCIALE e di SOLIDARIETA.Noi ci impegniamo ad agire in tal senso. Dateci fiducia e non la tradiremo”

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI