Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 11 Agosto 2020

Il 6 settembre il SUNIA sarà in piazza per cambiare la manovra e per difendere i diritti dei più deboli

La Federazione Regionale del Sunia Calabria parteciperà allo sciopero generale indetto dalla CGIL e sarà presente alle manifestazioni territoriali convocate dalla Cgil Calabria per rivendicare il cambiamento e l’inversione di rotta di una manovra finanziaria fortemente iniqua.

Nello specifico delle politiche abitative e fiscali sulla casa tutte le scelte del Governo sono state caratterizzate da gravissimi e ripetuti attacchi alle pur minime e insufficienti misure di agevolazione ed esenzione fiscale per gli inquilini.

Nel mese di marzo, il Governo Berlusconi con l’introduzione della cedolare secca, ha regalato un miliardo e mezzo di euro alla proprietà immobiliare, senza alcuna reale misura di contenimento del caro affitti ed una incisiva lotta all’evasione fiscale.

Con la manovra di luglio tutto il regime delle detrazioni all’inquilino è stato fortemente ridimensionato, insieme a misure inique e generalizzate che colpiscono la prima casa dei ceti meno abbienti, con la riduzione delle detrazioni sulle rate dei mutui e di tutte le detrazioni per lavori e riqualificazione energetica per la prima abitazione.

Adesso, con l’attacco agli Enti locali e il prospettato aumento dell’aliquota Iva si determinerà un’inevitabile aumento di tutti i costi e tariffe connessi all’abitazione, a partire dalla bolletta energetica di riscaldamento e dagli oneri e spese condominiali.

Sul versante della giustizia fiscale e della lotta all’evasione la manovra non contribuisce in maniera decisiva al recupero della evasione fiscale che, nel settore immobiliare, raggiunge cifre da capogiro. Dai dati resi noti dall’Agenzia del territorio, circa due milioni e 300mila fabbricati risultano non censiti e oltre l’83% dei redditi immobiliari non sono dichiarati al fisco.

Tutto questo mentre, da una parte, si aggrava la situazione delle famiglie, delle giovani coppie e dei tanti precari a far fronte a spese per l’affitto pressoché incompatibili con i propri redditi, e, dall’altra, si bloccano gli investimenti nell’ edilizia sociale e si riduce a una cifra simbolica il fondo di sostegno all’affitto.

Anche per tali ragioni il Sunia Calabria sarà il 6 settembre a fianco dei lavoratori, dei precari e dei pensionati per dire al paese che “Un’altra manovra è possibile”. “Un'altra manovra è possibile” se si tutelano le famiglie più deboli, se si rilancia lo sviluppo e l’occupazione se a fare qualche sacrificio saranno coloro che hanno di più e che non pagano mai.

“Un'altra manovra è possibile” per cambiare rotta: le ingenti risorse che possono e debbono essere recuperate con una dura lotta all’evasione fiscale nel settore immobiliare rappresentano il punto di partenza per disegnare una nuova politica economica che, sviluppando buona occupazione, metta in sicurezza e salvaguardi il territorio rispondendo anche ai bisogni abitativi di fasce consistenti di cittadini.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI