Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 05 Luglio 2020

Olio, portare le scuole nei frantoi

Educazione alimentare, conoscenza del territorio, scoperta del mondo produttivo e agricolo locale, valorizzazione della filiera agro-alimentare e delle eccellenze calabresi, contatto diretto con prodotti e cibi, turismo, qualità della vita, sviluppo sostenibile. Portare le scuole nelle bio-fattorie è un investimento sul futuro di questa regione.

È quanto sostiene Tommaso FIGOLI, presidente di ASSOPROLI Cosenza, branca olearia di COLDIRETTI, che sottolinea con soddisfazione il diffondersi di questa tendenza fra le scuole della Calabria ed invita istituzioni e mondo imprenditoriale a fare squadra per incoraggiare queste iniziative.

 

Allo stesso tempo, in vista della prossima campagna olearia, FIGOLI annuncia diverse iniziative di promozione e sensibilizzazione per portare le scuole in visita ai frantoi.

DICHIARAZIONE DI TOMMASO FIGOLI – PRESIDENTE ASSOPROLI COSENZA

Esprimo piena soddisfazione per il diffondersi delle visite scolastiche presso le bio-fattorie della nostra regione e in particolar modo della provincia di Cosenza. Sempre più spesso, accompagnate dai propri insegnanti, gli istituti stanno dimostrando di preferire questo tipo di destinazioni, nelle gite scolastiche brevi. È in questo modo, del resto, che si riescono ad apprendere in modo pratico e sul campo, quelle nozioni che, se spiegate soltanto in classe e studiate sui libri, resterebbero lettera morta o imput astratto. Le visite guidate nelle nostre fattorie e nel mondo produttivo ed enogastronomico locale, toccando tutte le tappe della filiera, dalla semina alla raccolta, dalla degustazione al mercato, consentono ai bambini di assorbire concetti altrimenti tecnici, lontani, complessi. L’esperienza diretta ed il rapporto visivo e tattile con tutto ciò che una bio-fattoria propone, permette agli studenti di interagire con gli animali da cortile, di raccogliere la frutta direttamente dagli alberi, di imparare ad aver rispetto verso tutto ciò che è natura. Il rapporto tra nuove generazioni e territorio, che si crea in occasione di questi momenti formativi, è più naturale e proficuo. Assume particolare importanza, inoltre, anche e soprattutto, la promozione di una corretta ed equilibrata alimentazione. Imparare, sin da piccoli, a mangiare cibi genuini e sani, è l’antidoto più efficace, infine, al dilagare dell’obesità infantile, soprattutto nelle regioni meridionali. Ma vi è un dato ulteriore che conferma la qualità e la bontà di queste iniziative di scoperta del mondo produttivo da parte delle scuole. Viene data, infatti, la possibilità alle nuove generazioni di conoscere meglio il proprio territorio, la propria storia, la propria cultura e le proprie tradizioni, soprattutto quelle agricole. Tali percorsi, fanno crescere la consapevolezza che la terra e la qualità della vita rappresentano un investimento sicuro per il domani della nostra regione, da un punto di vista sociale ed imprenditoriale.

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI