Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Settembre 2017

Codex, a Rossano con l'imperatore Teofano

Il CODEX PURPUREUS potrebbe essere stato portato a Rossano dalla principessa bizantina TEOFANO, sposa di Ottone II e imperatrice del Sacro Romano Impero, in occasione del suo soggiorno nell’estate del 982. – È, questa, tra le altre, una delle tesi più affascinanti e suggestive, supportate da fonti documentali, sostenuta dal Preside Gennaro MERCOGLIANO, illustrata nelle pagine del suo ultimo libro L’IMPERATRICE TEOFANO E IL CODEX, presentato ieri (giovedì 7), presso l’Auditorium Alessandro AMARELLI.

Il partecipato incontro culturale, coordinato dal Professor Franco AMARELLI ha concluso la serie di eventi inseriti nella 16esima edizione di ESTATE AL MUSEO, la riuscitissima rassegna culturale promossa dal Museo storico della Liquirizia Giorgio AMARELLI.

Carattere di assoluta novità nell’ambito della storiografia critica relativa alla traslazione, dall’Oriente a Rossano, del Codex Purpureus Rossanensis,e qualità dello studio e novità scientifica della tesi.  – Sono, questi, gli aspetti che sono stati sottolineati sia dal Professor AMARELLI che dagli interventi del pubblico.

Nel cogliere l’esortazione di AMARELLI a scrivere una nuova storia di Rossano, che vada oltre il GRADILONE ed il DE ROSIS, l’Autore ha così ripercorso la tesi sostenuta nel testo circa la traslazione del Codex a Rossano oltre ad aver delineato il profilo della Imperatrice TEOFANO, moglie di OTTONE II, ritenuta dall’Autore la possibile latrice del Codex in occasione del suo viaggio attestato a Rossano dalle fonti storiche nel mese di luglio dell’anno 982, al tempo dei convulsi avvenimenti relativi alla battaglia di Stilo. – MERCOGLIANO ha poi ampliato il campo d’indagine storica, anticipando gli ulteriori sviluppi della sua ricerca, anche in relazione alla questione della cosiddetta renovatio imperii (ideale utopistico medioevale che aveva come intento quello di rinnovare l'autorità imperiale plasmandola nel nuovo spirito cristiano) negli anni a cavallo tra il primo e il secondo millennio dell’era cristiana ed alla figura del rossanese Giovanni FILAGATO, papa Giovanni XVI, sul quale il Preside ha annunciato la pubblicazione di un suo prossimo libro.

MERCOGLIANO infine si è soffermato, sulla descrizione della splendida placchetta di avorio conservata al Museo parigino di CLUNY meglio nota come L’AVORIO DI CLUNY, sia per quanto riguarda gli aspetti stilistico-figurativi che quelli epigrafico-simbolici. - (Fonte: Lenin MONTESANTO – Comunicazione & Lobbying).

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI