Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Aprile 2020

Unical: A Nuccio Ordine una prestigiosa onorificenza dal Presidente Napolitano

Prefetto ordine e rettore

 

«Una prestigiosa onorificenza che dà lustro non soltanto ad uno studioso di fama internazionale, ma all’intera Università della Calabria». Lo ha detto ieri nella sala dello University Club, il Magnifico Rettore Prof. Giovanni Latorre, nel corso di una manifestazione che si è svolta in onore del prof. Nuccio Ordine  professore Ordinario di letteratura italiana per presentare le congratulazioni dell’UniCal per il conferimento del titolo di Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica da parte del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. L’incontro tenutosi in una calda mattinata primaverile, ha visto la partecipazione di Sua Eccellenza il Prefetto di Cosenza, Dott. Raffaele Cannizzaro, del prof. Raffaele Perrelli, preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, e il Direttore generale della casa editrice Les Belles Lettres di Parigi, prof. Alain Segonds. «Nuccio Ordine - ha detto ancora il Rettore - è una persona che merita rispetto e amicizia particolare non solo per le sue qualità di professore, bensì per le sue qualità umane. Sono sicuro che il riconoscimento trarrà maggiore forza per far avanzare la conoscenza nel mondo di quella parte della storia del nostro Paese che col pensiero ha illuminato la nostra terra e la storia d’Italia e dell’Occidente nell’epoca moderna». Per il Prof. Latorre tutto ciò contribuirà «a far crescere il prestigio della nostra università che fa bene il proprio lavoro. Sia mediante la formazione, sia nell’ambito dell’avanzamento delle conoscenze. Grazie al prof. Ordine, nel campo umanistico, possiamo dire che l’università rappresenta un punto importante, riconosciuto nel quadro culturale europeo. Sono fatti che inorgogliscono tutta la comunità universitaria. In questo Ateneo  - ha detto ancora il rettore - il prof. Nuccio Ordine s’è laureato e svolge una importante attività accademica che oggi ne fa uno dei più autorevoli studiosi di Giordano Bruno e certamente uno tra i migliori conoscitori dell'ambiente sociale, artistico,letterario e spirituale dell’età del Rinascimento». Il prof Perrelli, poi, ha voluto sottolineare le qualità umane del prof. Ordine e la sua capacità «certamente non comune  - ha asserito - di insegnare non solo trasferendo conoscenza, ma istaurando una forte empatia con gli studenti». Attualmente ha spiegato ancora Perrelli «viviamo in un periodo storico nel quale gli studi letterari non hanno quella considerazione che meritano. Spesso, addirittura, se ne disconosce il valore anche per la costruzione della democrazia e dell’identità nazionale». L’editore francese Prof. Alain Segonds, manifestando sentimenti di stima e amicizia all’illustre professore dell’Unical lo ha definito come «l’autore più importante della casa editrice Les Belles di Parigi».

Prefetto Cosenza e prof. Ordine

 

In conclusione il Signor Prefetto, complimentandosi per l’alta onorificenza attribuita direttamente dal Presidente della Repubblica “motu proprio”, ha illustrato nei dettagli tutto l’iter burocratico di tale titolo onorifico.  Alla cerimonia è pure intervenuto il sindaco di Diamante, città natale di Nuccio Ordine, dott. Ernesto Magorno. Al termine dell’incontro ha preso la parola il Prof. Ordine, che entusiasmando i convenuti, ha ringraziato in primis l’Ateneo di Arcavacata di Rende, sottolineando le straordinarie opportunità che grazie ad esso ha avuto di crescere culturalmente e scientificamente. «Il sapere -  ha detto - è innanzitutto umiltà. Lo studio deve essere un elemento inteso a migliorare se stessi. Dissento dai discorsi come quello relativo alla “fuga di cervelli” in quanto anche lo studio all’Estero ha tracciato una tappa importante per la mia formazione» Concludo con un grazie di cuore al Presidente Napolitano che riveste un ruolo capitale e importante. Un gesto che marca un attenzione per la cultura, per la scuola, per l’università, in un momento in cui i tagli colpiscono duramente la cultura».

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI