Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 27 Novembre 2022

Le 4 Stagioni di Vivaldi …

Ott 29, 2022 Hits:1251 Crotone

La Maschera d’Argento di …

Ott 29, 2022 Hits:1288 Crotone

Marco Vincenzi virtuoso e…

Ott 21, 2022 Hits:1565 Crotone

Affidato realizza il nuov…

Ott 04, 2022 Hits:2257 Crotone

Successo per il pianista …

Set 30, 2022 Hits:2664 Crotone

Confindustria Crotone ha …

Set 23, 2022 Hits:2731 Crotone

Kiwanis insieme all'Unice…

Set 20, 2022 Hits:2503 Crotone

Santa Severina - Tre gior…

Set 15, 2022 Hits:3540 Crotone

Rende - Maon, mostra di Brunella Longo

Locandina-mostra-Brunella-Longo-01

Al MAON di Rende si inaugura venerdì 18 marzo alle ore 18 la mostra di Brunella Longo “Nelle terre della percezione e del pensiero” curata da Tonino Sicoli e Massimo Di Stefano.

Brunella Longo è una fotografa italiana che elabora le immagini della natura in un suo universo immaginifico fatto di paesaggi onirici, assemblati con vedute e forme sovrapposte, parti di natura vivente mescolate con frammenti fossili, rocce e cascate d'acqua intrecciate con figure della storia dell'arte, dune desertiche con sopra globi trasparenti, ghiacciai artici alla deriva montati da acrobati e conchiglie giganti, che in altri casi diventano nuvole di un cielo capriccioso.

La fotografia non è un mezzo per catturare la realtà naturale, ma per intraprendere la creazione di un proprio mondo contiguo ma totalmente surreale, evasivo, chimerico e sospeso in una dimensione catartica, dove l'io si intrufola errabondo per trovare una identità alternativa.

I viaggi che hanno costituito il bagaglio di scatti di Longo sono un pretesto per un viaggio interiore, che trasforma i luoghi visitati in scenari di una pareidolia estraniante, in cui le forme ne suggeriscono altre, con una semiosi continua che accorpa pezzi di paesaggio e segni antropici, ambienti naturali e figure umane.

Le composizioni evocano visioni lunari desolate, vagheggianti dove uomini senza volto si confondono con le rupi raggrinzite, i massi statici, le lande solitarie.

Sullo sfondo di un panorama trasparente si delineano bande di colore, verdastre, violacee, grige che geometrizzano le forme organiche di una natura frastagliata e ruvida, inanimata di per sé ma che si anima di figure ballerine, poste in sequenza come nelle fotografie stroboscopiche di Eadweard Muybridge. Le sagome di atleti o danzatori si distribuiscono con un ritmo cadenzato a ricostruire il movimento, posa dopo posa, in una scomposizione statica del dinamismo reale, con qualche somiglianza a certi primitivi dipinti rupestri presenti nel Sahara.

Anche nella fotografia pura dalla plasticità esatta e dalle atmosfere rarefatte, Longo svela una natura interiorizzata, che si manifesta nella sua assolutezza diventando corpo della terra. (Tonino Sicoli )

Il deserto, l’acqua, il ghiacciaio, lo spazio, la profondità, la sensazione di un universo ingrandito. Brunella Longo predilige questo tipo di costruzione spaziale. Il silenzio dei Tuareg, silenzi che si succedono a silenzi, paradisi della solitudine dove il viaggiatore passa da solitudine a solitudine, da deserto a deserto, l’estensione, la misura del non misurabile. Ed effettivamente è proprio in termini di spazio orizzontale che si traducono le immagini della Longo, l’evasione nella vastità degli orizzonti dove l’occhio si incanta in quelle magie delle lontananze.Lontananze magiche, perché la trasparenza dell’atmosfera, avvolgendo i fossili, le pietre, i sassi, le conchiglie o i corpi in un velo d’aria, riesce a liberarli dalla loro realtà vicina con l’immagine lontana. Brunella Longo proietta le sue immagini in un ambito che lo affianca dai suoi limiti e lo libera dalla visione esatta ed immobile. Le immagini sono dissolte in una lontananza semifantastica che un ultimo scrupolo di chiarezza viene curiosamente a delimitare con un’ultima linea, quella dell’orizzonte. E questa prospettiva è sia temporale che spaziale. Sono paesaggi, fotografie realistiche realizzate durante i viaggi in Oman, Turkmenistan, sul Mar Caspio, in Islanda, in cui sono state inserite in un momento successivo, in studio, delle fusioni. Da uno sguardo oggettivo le immagini si convertono in un mondo fantastico, onirico. L’inclusione virtuale equilibra quasi perfettamente immobilità e movimento separandoli nel tempo, vedendo nell’immobilità una promessa dell’atto, ma si tratta di un equilibrio che rimane sempre instabile, un’indeterminatezza dello spazio e del tempo. Appartengono ad un mondo che è frutto di letture ed esperienze, letture fantastiche che alimentano il desiderio di esplorare, di espandersi. I lavori più recenti di Brunella Longo sono fotografie realistiche, naturalistiche, paesaggi dedicati a Cipro, alla Scozia, all’Oman, al Brasile, all’Islanda, alla Groenlandia, a Cuba, in cui non vi sono sovrapposizione di immagini possibili, ma riprese oggettive, frutto di una percezione intuitiva sulla natura incontaminata, su di un mondo ancora integro, completo, intatto. (Massimo Di Stefano)

Brunella Longo nasce a Cassino nel 1965. Dopo aver conseguito la Laurea in Scienze Politiche presso l'Università “ La Sapienza” di Roma, si diploma in Counselling di base presso L'Istituto di Psicosintesi di Firenze e ottiene il Master in Artiterapie presso L'Università Roma Tre. Si forma come fotografa presso l'atelier del fotografo Claudio Abate; seguono altre esperienze con altri importanti fotografi come Vittor Ugo Contino, Aurelio Amendola, Massimo Piersanti. 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI