Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 29 Novembre 2020

Il sogno di Maria, il più bel presepe vivente d'Italia

1796433_614428858627406_1584938005_n

Dopo le parole dell’Angelo Gabriele, Maria pronunciò il suo “si d’amore che commosse Dio e lei divenne la Madre Sua” così riportava un bellissimo canto religioso. Il Presepe Vivente svoltosi lo scorso dicembre a Macchia di Spezzano Piccolo, iniziava, dopo una piccola e doverosa presentazione da parte di San Francesco d’Assisi, fondatore del Santo Presepio, proprio da questo suggestivo incontro che cambiò la storia. Se la maggior parte delle sacre rappresentazioni viventi della nascita di Gesù, partono dall’annunciazione, nel presepe vivente del maestro Chinnici, questa ha costituito soltanto la prima di una serie di scene a carattere premonitore che hanno annunciato, con molti commoventi flash farwords, la futura vita di Gesù e di sua Madre. Infatti la creatività di Rocco Chinnici, autore e regista, ha fatto si che ne uscisse un vero e proprio capolavoro riconosciuto, oltre che da un grande consenso da parte di tutti i visitatori, dalla commissione giudicatrice del concorso a cui questo Presepe ha partecipato. Infatti l’ente organizzatore del suddetto concorso, l’Associazione amici del Presepio delle Madonie e di Sicilia, Costituente L’Opera Internazionale Praesepium, ha giudicato questo Presepe “ IL MIGLIOR PRESEPE VIVENTE D’ITALIA” insignendo il maestro Chinnici, già vincitore di tre migliori Presepi viventi d’Italia, Principe del Santo Presepe e la dott.ssa Beatrice Valente, sindaco del Comune di Spezzano Piccolo, ente promotore della manifestazione, Dama del Santo Presepe.

Visitare “IL Sogno di Maria” è stato intraprendere un cammino che arrivava alla mangiatoia passando prima dalla Croce, un viaggio in un sogno premonitore di una Mamma che vede, già nella nascita del Figlio la sua morte e la sua Resurrezione, una gloria che passa prima dalla sofferenza e dai sentimenti umani di Maria come Donna che si è messa a disposizione del progetto di Dio e che partendo da quella culla accompagnerà Gesù fino al suo calvario.

Se “ Il sogno di Maria”, che rimane pur sempre frutto dell’estro teatrale e della fantasia del regista, è storicamente diventato realtà, prescindendo naturalmente dall’ aspetto onirico di questa rappresentazione vivente, anche un altro sogno è diventato realtà: Il sogno di un gruppo di ragazzi coadiuvati da presenze adulte e mature, che ha fortemente creduto nel “ Sogno di Maria” inteso questa volta come progetto di rivitalizzazione e valorizzazione del borgo di Macchia, ormai quasi completamente disabitato e purtroppo destinato ad un imminente e triste spegnimento già annunciato dall’abbandono delle case. Proprio questo evento ha segnato un primo forte segnale di arresto e di rimando di quella inesorabile fine tanto temuta e continuamente contrastata dal gruppo di giovani che organizza una serie di eventi e manifestazioni nel centro storico di Macchia, non per questioni di “campanilismo”, parola che è stata impropriamente utilizzata con accezione dispregiativa nei fenomeni legati alla globalizzazione, ma al contrario per salvaguardia di identità culturale legata ad un preciso contesto storico-sociale che non può assolutamente essere annientato con la parola “ campanilismo”. Il Presepe Vivente ha fatto sì che Macchia venisse apprezzata da circa 5000 visitatori che hanno lasciato i loro commenti di gradimento, quanto per la recitazione che per le quinte teatrali in muratura, pietra e laterizio che costituiscono, nella loro armoniosa composizione, il suggestivo centro storico di Macchia.

E’ stata quindi una vittoria presagita da tutti quanti ci hanno creduto sin dall’inizio e che si sono impegnati, col massimo degli sforzi, per la buona riuscita della Manifestazione. Quello che Rocco Chinnici ha lasciato a Macchia è sicuramente un segno indelebile di cui tutti i cittadini di Spezzano Piccolo ne andranno orgogliosi portando l’esperienza del Natale 2013 serrata nei loro cuori. Proprio per festeggiare questi gratificanti

riconoscimenti, il comitato organizzativo della manifestazione indice per giorno 24 Agosto 2014 un momento di festa nella piazza di macchia accompagnato dal rilascio degli attestati di partecipazione e del conferimento della Cittadinanza Onoraria a Rocco Chinnici da parte della Giunta Comunale di Spezzano Piccolo per l'attribuzione di alti valori di aggregazione sociale e valorizzazione del territorio che hanno contraddistinto "Il Sogno di Maria".

10534542_688241987912759_3728254664296674202_n

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI