Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 04 Giugno 2020

Isola Capo Rizzuto - La r…

Giu 01, 2020 Hits:151 Crotone

Zero contagi a Crotone, P…

Mag 27, 2020 Hits:279 Crotone

La Lega di Crotone unita …

Mag 25, 2020 Hits:368 Crotone

Lega Giovani: La mafia pu…

Mag 23, 2020 Hits:415 Crotone

Isola Capo Rizzuto - Gior…

Mag 23, 2020 Hits:409 Crotone

Tre anni fa il gemellaggi…

Mag 19, 2020 Hits:569 Crotone

Antica Kroton, la Lega in…

Mag 16, 2020 Hits:596 Crotone

Crotone in fiore

Mag 05, 2020 Hits:776 Crotone

Rossano - Il Rotaract e l'archeologia

foto articolo rotaract museo sibari

 

Avvincente iniziativa sul territorio del Rotaract Club Corigliano Rossano Sybaris che recentemente si è recato in visita sia al Museo Nazionale degli
Scavi Archeologici di Sibari nonché all’area del Parco archeologico di Sibari, e che ha visto un’attiva e viva attenzione del Presidente Avvocato Ramona Rugna, nonché dei soci Anna Straface, Terry Straface, Francesco Scarcella e persone esterne all’Associazione quali l’Avvocato Giuseppe Vena. Per i giovani Rotaractiani tale iniziativa è stata corredata al fatto di valorizzare l’importanza storica del nostro territorio attraverso la riscoperta e la rivisitazione del passato. Sibari, infatti, rappresenta la più antica colonia dei greci nella costa ionica calabrese. Essa fu fondata nel 720 a.C. come testimoniano gli scavi archeologici da coloni provenienti dalla regione dell'Acacia, nel Peloponneso. La colonia fu fondata in una vasta area pianeggiante che, a causa, della sua vocazione paludosa, era rimasta lontana dall'insediamento autoctono prima di essere bonificata dai Greci e, in seguito, divenne celebre e potente per le sue ricchezze, i territori e la forza espressa in numerose guerre. Il museo archeologico della Sibaritide è nato con l'esigenza di conservare ed esporre i reperti frutto delle numerose campagne di scavo che hanno riportato in luce le antiche e fiorenti città di Sybaris, Copia e Thurjj, oggi riemerse nelle aree protette del  Parco del Cavallo, della Casa Bianca, del Parco dei Tori e Stombi. In esse emergono i resti di agglomerati urbani, teatri , case private, necropoli, fornaci e strade dell'antico insediamento magnogreco, fiore all'occhiello della provincia di Cosenza e di tutto il meridione.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI