Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 22 Gennaio 2021

Cassano Ionio - Approvate importanti delibere

Quattro e di grande significato le delibere approvate dal Consiglio comunale di Cassano All’Ionio nella seduta di ieri sera 25 ottobre: il primo provvedimento licenziato dall’Assise civica cittadina, con voto unanime di tutti i consiglieri comunali presenti, riguarda l’istituzione del Consiglio di quartiere di Sibari, ovvero uno strumento di consulta popolare previsto dallo Statuto comunale e finalizzato proprio a coinvolgere i cittadini nella vita amministrativa dell’Ente; il secondo provvedimento approvato, sempre con voto unanime di tutto il Consiglio comunale, poi, ha riguardato il Piano di lottizzazione convenzionato, località Bruscata Grande, in ditta eredi Lombardi; l’Assise civica cittadina all’unanimità ha deliberato, altresì, l’istituzione di una Commissione di Studio per valutare la possibilità di mantenere l’Ufficio del Giudice di Pace a Cassano All’Ionio; il quarto atto deliberativo ha riguardato invece l’iscrizione delle Associazioni "Avo" , "Laic" nell’Albo delle Associazioni" (art. 10 dello Statuto Comunale). A questi quattro atti deliberativi deve essere, poi, aggiunta l’approvazione, con voto unanime di tutto il consiglio dei verbali delle sedute precedenti.

Volendo ripercorrere le fasi dell’importante riunione dell’Assise Civica cittadina di ieri sera, si può iniziare dicendo che il Consiglio è iniziato alle 18.50, presieduto Mario Guaragna, presenti 15 consiglieri comunali su 17 (assenti Corrado ed Azzolino. Dopo l’appello nominale dei consiglieri comunali fatto dalla segretaria municipale Maria Giovanna Acquaviva, il Sindaco Giovanni Papasso in apertura ha tenuto a ribadire la propria solidarietà e vicinanza alla ditta Italproject ed al segretario cittadino di IDV Eliseo Risolè, vittime negli scorsi giorni di due attentati intimidatori perpetrati rispettivamente ai danni di alcuni mezzi della ditta e dell’auto dell’esponente politico. Solidarietà che poi è stata espressa anche da tutti gli altri capigruppo, che hanno inteso prendere la parola sulla vicenda (Garofalo, Lione. Petrosino, Tricoci, Praino, Cerchiara) ed anche dal Presidente del Consiglio Mario Guaragna: “ In un paese civile non possiamo tollerale simili episodi” – ha detto il Primo cittadino.

Fatto ciò il Consiglio, invertendo il punto con un altro iscritto all’ordine del giorno, è quindi passato all’esame della prima importante Delibera per l'espressione dell'assenso all’istituzione del Consiglio di quartiere a Sibari, presentati in Aula dall’assessore municipale con delega all’Attuazione dello Statuto Alessandra Oriolo, la quale ha sottolineato che: “Per noi è prioritario dare attuazione agli strumenti di partecipazione democratica previsti dallo Statuto Comunale, ad iniziare dai Consigli di quartiere e da Sibari”. Il Sindaco, intervenuto nel merito del punto, ha poi specificato che: “ Partiamo con Sibari e dalle sue Contrade perché la nostra Amministrazione è fortemente convinta che ogni progetto di sviluppo sociale, culturale ed economico dell’intero territorio comunale debba poggiare su politiche che guardino soprattutto al sito di Sibari, in virtù del suo nome e della sua storia e per le risorse culturali e naturalistiche. Del resto la nostra amministrazione, sin dai primi giorni, ha rivolto la propria attenzione al sito di Sibari, con interventi concreti che hanno riguardato sia la costa che il centro abitato della frazione. Siamo coscienti che questo è solo l’inizio di un’attività politica che dovrà dare sempre più risposte a questa parte importante del territorio comunale, che deve essere necessariamente posta al centro di tutti i ragionamenti e di tutti i progetti di sviluppo. Perché non si può progettare il futuro senza far leva sulle energie e sulle sensibilità di cui la società di Cassano è ricca e senza il coinvolgimento dei cittadini, riteniamo sia giunto il momento di dare concretamente fattivamente senso agli strumenti di partecipazione previsti dallo Statuto Comunale e dalle leggi dello Stato. Inoltre, avvertiamo il dovere di cogliere e governare il disagio della popolazione residente nella frazione di Sibari, troppo distante dal capoluogo, che spesso si sente isolata ed esclusa rispetto ai programmi e alle decisioni che vengono assunte in Municipio. Disagio che viene spesso strumentalizzato da negative spinte separatistiche, che non giovano alla nostra comunità, che ha bisogno oggi più che mai di unità e coesione, soprattutto antistoriche perché mirano a dividere un territorio unito da secoli di storia, in un momento in cui le leggi spingono verso l’accorpamento delle realtà territoriali – ha ribadito il Sindaco Papasso, concludendo – da tutti questi ragionamenti scaturisce la proposta ( approvata poi dal Consiglio all’unanimità) di istituzione del Consiglio di quartiere di Sibari, perché vediamo nel Consiglio di quartiere lo strumento di partecipazione e consultazione dei cittadini più efficace, previsto dallo Statuto, per dare voce e presenza attiva e concreta alle esigenze e alle istanze che pervengono da Sibari”. Il primo punto all’ordine del giorno, come già detto è stato approvato all’unanimità dal Consiglio comunale. Lo steso primo cittadino ha poi tenuto a ringraziare tutti i consiglieri comunali per il voto favorevole: “ Finalmente applichiamo uno strumento di partecipazione previsto nel nostro Statuto, un fatto storico in Comune. Ora il Consiglio di quartiere di Sibari dovrà creare le condizioni perché Sibari e le sue questioni più urgenti abbiano voce nelle dinamiche amministrative dell’Ente”. In concreto il Consiglio di quartiere di Sibari avrà funzione meramente consultiva e di ausilio dell’Amministrazione Comunale, come previsto dallo Statuto Comunale, e prevede

la nomina dei 16 componenti venga fatta dai gruppi Consiliari mentre il Presidente verrà nominato dal Sindaco.

Così come all’unanimità è passato anche l’atto deliberativo con il quale è stato approvato il Piano di lottizzazione convenzionato, località Bruscata Grande, in ditta eredi Lombardi. Una decisione importantissima, poiché su una superficie totale di 5 ettari prevede l’edificazione di 15.000 mq3 al coperto, oltre che opere di urbanizzazione e verde pubblico. Per ciò che concerne la paventata soppressione del Giudice di Pace di Cassano All’Ionio, così come previsto dal Decreto Legislativo del 7 settembre 2012 n. 155, su proposta del Sindaco Giovanni Papasso, il Consiglio comunale ha deliberato l’istituzione di una commissione ( formata oltre che dal primo cittadino, anche dai capigruppo consiliare) per studiare e valutare forme e modi per tentare di salvaguardare l’importante istituzione a Cassano All’Ionio. Rinviato ad altra seduta, per l’importanza e per la complessità, il punto inerente l’ordine pubblico.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI