Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 25 Novembre 2020

L’Assessorato all’Internazionalizzazione ha presentato, a Valencia, i risultati di un progetto sulle procedure doganali nel Porto di Gioia Tauro

L’Assessorato all’Internazionalizzazione e Cooperazione della Regione Calabria – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale - ha presentato i risultati ottenuti con l’intervento dal titolo “Analisi delle coercizioni e problemi burocratici delle procedure doganali nel Porto di Gioia Tauro” nell’ambito della Conferenza Finale del progetto TERCONMED, che si è svolta il 19 e 20 di Aprile scorsi a Valencia.

Tra gli obiettivi principali del Progetto della Regione Calabria, che ha partecipato in qualità di partner nell’ambito del Programma comunitario MED, rientra la razionalizzazione e la semplificazione del quadro regolamentare e le procedure amministrative che regolano il trasporto marittimo a corta distanza (TMCD) nei porti del Mediterraneo.

Ai lavori della Conferenza del progetto TERCONMED “I Terminal Container come elemento chiave del Trasporto Marittimo di Corta Distanza nel Mediterraneo” - in concomitanza con il Simposio Internazionale dell’Istituto Mediterraneo dei Trasporti Marittimi (IMTM) con sede nel Grande Porto di Marsiglia (FR) - hanno partecipato, altresì, l’Autorità Portuale di Gioia Tauro e l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, in qualità di enti attuatori della Regione che hanno svolto i delicati compiti di ordine tecnico. L’evento si è celebrato nella Sala delle Conferenze dell’Autorità Portuale di Valencia (ES), ed ha registrato la partecipazione di un nutrito gruppo di esperti di Cooperazione, di Trasporto Marittimo: il Presidente dell’Autorità Portuale di Valencia Rafael Aznar, il Vice Presidente del Consiglio Regionale della Regione Provenza Alpi e Costa Azzurra (Region Paca) nonché Autorità di Gestione di turno del Programma Med 2007-2013 Jean Yves Petit, il Presidente dell’IMTM nonché Console Generale di Francia Christian Scapel, e naturalmente hanno partecipato i rappresentanti delle Regioni partner.

Il Progetto TERCONMED, è finalizzato a promuovere l’uso di nuove unità di carico, diminuire le barriere doganali afferenti al Trasporto Marittimo di Corta Distanza e migliorare la formazione del personale portuale impiegato. TERCONMED, di fatto, mira a migliorare l’adattamento dei Terminal Container e navi di trasporto merci alle nuove unità di carico, alla riduzione dei tempi di attesa delle navi ai porti, ad elevare la qualificazione del personale che lavora con il TMCD, ad imprimere maggiore fluidità alla documentazione doganale e a favorire l’aumento dello scambio commerciale con il TMCD tra i porti europei del Mediterraneo.

I risultati del progetto si sono distinti per la loro idoneità ad innovare e semplificare le procedure del trasporto marittimo: un manuale di formazione che cerca di armonizzare il più possibile il lavoro dei portuali ai Terminal Container che adottino il TMCD e un data base, da utilizzare dagli stessi terminalisti per essere aggiornati sui colleghi europei che operano con le stesse metodologie del TMCD nel Mediterraneo. Infine, un sito web interattivo (www.terconmed.eu) che riesce a monitorare in tempo reale tutte le attività in entrata ed uscita dal Terminal Container dei porti partner del Progetto, attraverso un satellite che trasmette le immagini ad alta velocità e definizione delle navi.

La Regione Calabria, per altro, è stata l’unica delle Regioni partner ad aver partecipato al Simposio Scientifico con l’intervento del Prof. Gattuso dell’Università Mediterranea nel settore della logistica “La molteplicità di tipi di catene logistiche”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI