Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Febbraio 2021

Coldiretti ai sindaci: dimezzare l'Imu per le imprese agricole

Con una lettera indirizzata ai sindaci della Regione  Calabria, Coldiretti ribadisce la necessità di mitigare l’impatto dell’IMU sul settore agricolo. La nuova imposta municipale introdotta dal Governo ha un notevole impatto sui fabbricati rurali e sui terreni: il settore agricolo, oltre a vivere una stagione di difficoltà, per i prezzi di vendita dei prodotti, si trova a dover fare i conti con una manovra economica doppiamente gravosa. I comuni hanno però la facoltà prevista dalla legge di ridurre al 50% l’IMU. Gli imprenditori agricoli, infatti, scontano oltre alla “patrimoniale agricola” con l’IMU, tutti gli aumenti previsti per i cittadini, dall’Iva alle accise carburanti, alla contribuzione previdenziale. Dicono Pietro Molinaro, presidente, e Francesco Cosentini, direttore di Coldiretti Calabria: “Il rilancio dell’economia del nostro paese passa, significativamente, attraverso l’agricoltura e l’agroalimentare; a tal fine, occorre evitare di appesantire i costi di produzione che già incidono notevolmente sulle imprese agricole. Per riaffermare il ruolo strategico dell’agricoltura e dell’agroalimentare, determinante per la crescita e l’occupazione del nostro Paese e delle nostre realtà locali, Coldiretti ha aperto a livello nazionale un serrato confronto con il Governo e con il Parlamento. Ora chiediamo ai sindaci, che rappresentano l’istituzione più vicina ai cittadini, di impegnarsi per primi, adottando un provvedimento che in linea con la facoltà prevista dalla legge, permetta di mitigare l’impatto dell’IMU sul settore agricolo, dimezzando le aliquote ordinarie, in relazione ai fabbricati rurali strumentali alle attività agricole, al fine di poterne dare attuazione nei tempi e nei modi stabiliti dalla legge”. Continua Cosentini: “Il settore agricolo intende concorrere alla soluzione dei problemi del Paese senza sottrarsi alle proprie responsabilità, ma non possiamo permetterci di minare un tessuto di imprese che garantisce produzioni di eccellenza, occupazione, indotto e tutela del patrimonio territoriale”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI