Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 09 Dicembre 2021

Sgominata un’associazione a delinquere dedita al traffico illecito di prodotti petroliferi

Militari del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di catanzaro, su delega della procura della repubblica presso il tribunale di vibo valentia, hanno svolto una complessa ed articolata  indagine di polizia giudiziaria nel settore del commercio di gasolio agricolo, che ha consentito di fare emergere un sistema criminoso finalizzato a destinare fraudolentemente il prodotto petrolifero, soggetto ad accisa agevolata, ad usi diversi da quelli consentiti.

In particolare,  a seguito di complessa attività investigativa, anche di natura tecnica,  posta in essere mediante la disamina di copiosa documentazione fiscale ed extracontabile, è emerso il ruolo centrale di una importante societa’ catanzarese operante nel settore che, allo scopo di evadere le connesse imposte, ha simulato vendite di gasolio agevolato a soggetti formalmente autorizzati ma, di fatto, non operanti, con sede nell’alto cosentino (malvito, spezzano della sila e s. Donato di ninea), ponendo in essere artificiosamente  documentazione fittizia.

Le attività di controllo hanno consentito di appurare che le autocisterne di proprieta’ della prefata societa’ e di altri operatori economici in realta’ scaricavano il prodotto presso aziende compiacenti, ubicate in diverse province calabresi, che non avevano titolo a ricevere e consumare il prodotto petrolifero oggetto di transazione.

La particolare attività di servizio condotta dalle fiamme gialle catanzaresi ha permesso di smascherare l’illecito modus operandi della consorteria criminale, dedita:

    Alla realizzazione di ingenti profitti illeciti, concretizzatisi in un danno per l’erario, a causa della fruizione indebita di esenzioni ed agevolazioni d’imposta, pari a complessivi 9 milioni di euro circa;


    All’inquinamento dell’economia legale e del mercato concorrenziale nello specifico settore merceologico, in considerazione che tale prodotto, non avendo scontato iva ed accisa ordinaria, è stato collocato nel mercato dell’ ingrosso (depositi e distributori) e dell’indotto (autotrasporti ed edilizia), ad un prezzo nettamente più favorevole rispetto a quello corrente.

Sulla base delle risultanze investigative, la procura della repubblica presso il tribunale di vibo valentia ha disposto urgenti, adeguate e calibrate misure cautelari reali, previa emissione di apposito decreto ablativo cui i militari del nucleo di polizia tributaria di catanzaro hanno dato esecuzione nella mattinata odierna pervenendo al sequestro preventivo di nr. 2 depositi operativi di stoccaggio di prodotti petroliferi siti in provincia di catanzaro e cosenza, nr. 20 autocisterne nell’attuale disponibilita’ di soggetti giuridici siti nelle province di catanzaro, cosenza, vibo valentia e reggio calabria e di ingente documentazione fiscale. Inoltre, l’organizzazione delinquenziale si e’ resa responsabile di un’evasione fiscale pari a 6 milioni e mezzo di euro di accisa e di circa 2 milioni e mezzo di iva, con un consumo in frode di circa 19 milioni di litri di gasolio agricolo agevolato.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI