Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:777 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1444 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:969 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1671 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2424 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1937 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1926 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1879 Crotone

L’Assessore Caligiuri ha illustrato uno studio sulla presenza rom nelle scuole

L’Assessore regionale alla cultura Mario Caligiuri, presentando uno studio sulla presenza dei rom nelle istituzioni scolastiche calabresi –informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – ha dichiarato che “con lo 0.35%, la Calabria è la regione italiana che ha più rom nelle scuole. Questo richiede un impegno educativo specifico in direzione dell'integrazione". La ricerca sarà presto disponibile sul sito dell’Assessorato regionale alla Cultura www.conoscenzacalabria.it. Il programma educativo, elaborato come sempre d'intesa con l'Ufficio Scolastico Regionale, mira a far completare la scuola primaria ai bambini rom. A tale riguardo sono stati stanziati centomila euro a favore di otto scuole calabresi che, per la prima volta, mirano a coinvolgere non solo gli studenti di etnia rom, ma anche le loro famiglie. L’innovativo progetto si colloca come sfondo integratore di interventi locali che contrastino la dispersione scolastica e favoriscano la piena attuazione del diritto allo studio. Le attività prevedono quattro moduli: musica, fiabe, teatro sociale e sport. Il progetto individuerà anche formatori scelti tra i soggetti che, per esperienza, conoscono la realtà dei rom e l’inserimento di mediatori culturali rom nei servizi educativi, come soggetti che costituiscono un “ponte” per l’attivazione di azioni di prevenzione,accompagnamento e sostegno educativo. Il progetto prende spunto dalle esperienze educative già sperimentate con successo in Calabria dalla quali è stato individuato un possibile modello di lavoro da avviare nel prossimo anno scolastico in otto aree del territorio regionale, attraverso gli istituti che fungeranno da polo nei singoli ambiti.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI