Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 23 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:465 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1217 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1954 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1485 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1464 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1432 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1704 Crotone

Salerno plaude all’iniziativa della Regione Calabria

Ci complimentiamo con la Regione Calabria che, attraverso la pregevole azione della Vicepresidente Antonella Stasi, assume per la prima volta una netta e chiara posizione di contrarietà rispetto alle perforazioni dell’ENI a Crotone.

Già nello scorso mese di Agosto ci siamo espressi chiaramente sul rapporto territorio-ENI, citando la relazione del sismologo di fama mondiale Leonardo Seeber che affermava pubblicamente che Crotone è una città che affonda.

Non a caso, per misurare eventuali fenomeni di subsidenza o sismici, nella concessione per le attività di perforazione ricevuta dalla Ionica Gas S.p.A., partecipata ENI al 100%, è prescritto che la società deve produrre idonee tavole di raffronto tra i valori di subsidenza previsti e quelli misurati sul campo ed installare una stazione di rilevamento della micro sismicità locale.

Le avvisaglie di questi giorni, con il terremoto della scorsa notte, ci inducono a chiedere all’Amministrazione comunale un approfondimento su tale problematica attraverso l’intervento di competenze tecniche specifiche, cosa che riteniamo si debba fare anche in relazione alla bonifica.

Non si può accettare che, a tutt’oggi, la città di Crotone non abbia un proprio progetto sulla bonifica e sulle estrazioni da mettere sul tavolo di lavoro del Ministero dell’Ambiente quando si è convocati per discutere di questi argomenti. Uno dei punti fondamentali di questo progetto dovrebbe essere, prima di tutto, l’approvazione, da parte di tutti i soggetti chiamati a decidere in merito, dell’inderogabile necessità di far lavorare imprese ed operai del nostro territorio. Siamo noi che abbiamo ricevuto i danni irreparabili sia in termini di salute che in termini ambientali a dover dettare le condizioni della bonifica. Ancor più grave ci sembra l’aver consentito ad ENI di stabilire la sede legale della sua nuova società Ionica Gas in provincia di Chieti anziché a Crotone. Ciò comporta, per chi non lo sapesse, una perdita di gettito finanziario fiscale nei confronti della Regione e del comune di Crotone, cosa prevista dalle norme del federalismo fiscale fortemente voluto dalla Lega Nord.

Ed ancora, basta star seduti davanti alla TV per capire quanto l’ENI investa in termini di promozione e pubblicità. Viene da chiedersi perché a Crotone non sia possibile pensare ad una sponsorizzazione, da parte del colosso petrolifero, dell’Aeroporto S. Anna o del Crotone calcio, due degli ultimi problemi affrontati in termini istituzionali, come anche di tre facoltà universitarie legate di diritto al nostro territorio quali Biologia marina (Riserva marina), Matematica (Pitagora) ed Archeologia (antica Kroton).

È per questi motivi che stiamo chiedendo che l’ENI instauri con Crotone un rapporto di pari dignità, consapevoli che una grande azienda quale essa è, può e deve essere per questa nostra martoriata città un’opportunità e non un’ulteriore causa di colonizzazione come pare sia avvenuto sino ad oggi.

 

 

 

Il Presidente

Fortunato Roberto Salerno

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI