Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 24 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:887 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1495 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1019 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1718 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2477 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1985 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1976 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1926 Crotone

Frode ai danni dell'Inps, denunciati 300 soggetti

Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di catanzaro, all’esito di una operazione di servizio in materia di frode ai danni di enti pubblici, ha denunciato 300 soggetti, eseguendo una ordinanza cautelare (arresti domiciliari) emessa dal g.i.p. presso il tribunale di catanzaro su richiesta della locale procura della repubblica e procedendo, altresi’, al sequestro per equivalente di immobili (appartamenti e terreni), macchine agricole, denaro depositato presso istituti di credito e quote societarie per un valore complessivo di euro 855.649,88.

 

L’indagine - diretta dal procuratore aggiunto della repubblica di catanzaro, dott. Giuseppe borrelli e dal sostituto procuratore dott. Carlo villani, coordinati dal procuratore della repubblica dott. Lombardo - scaturisce da un’attivita’ di polizia economico-finanziaria avviata d’iniziativa e finalizzata al monitoraggio delle prestazioni a sostegno del reddito erogate a favore della categoria dei lavoratori agricoli, che ha portato alla scoperta ed alla denuncia, alla competente autorità giudiziaria, di una particolare frode perpetrata, per diverse annualità, ai danni dell’istituto nazionale della previdenza sociale (inps) e dell’istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (inail).

 

L’attenta analisi della notevole massa di documentazione acquisita, delle risultanze dei “controlli incrociati” effettuati e delle dichiarazioni rese dalle persone escusse in atti ha portato alla luce uno strutturato disegno truffaldino, ideato e realizzato, in concorso tra loro, da due imprenditori agricoli operanti soprattutto nei comprensori di catanzaro e di lamezia terme (cz).

 

In particolare, gli stessi hanno posto in essere un’apparentemente ineccepibile costruzione documentale, finalizzata a simulare una elevata operatività delle loro rispettive aziende agricole, che avrebbero dovuto svolgere un’attività di coltura olivicola così fiorente da rendere necessaria l’assunzione di centinaia di lavoratori agricoli, ai quali, ovviamente, sarebbe spettata                             la prevista assistenza da parte degli enti previdenziali (inps e inail).

 

I militari operanti hanno, invece, accertato e rapportato alla competente autorità giudiziaria sia la fittizietà delle decine di contratti finalizzati a confermare l’operatività delle suddette imoprese agricole (verificando, fra l’altro, l’assoluta simulazione dei contratti di fitto degli uliveti e/o di acquisto dei frutti pendenti da parte delle medesime aziende agricole) sia la natura meramente apparente delle centinaia di contratti di lavoro stipulati.

 

I “braccianti”, dal canto loro, a fronte dei rapporti di lavoro fittizi con le citate ditte, di fatto inesistenti, hanno potuto maturare periodi di anzianità contributiva utili ai fini del raggiungimento della “soglia” minima per conseguire il relativo trattamento pensionistico.

 

Inoltre, una notevole aliquota dei medesimi “braccianti”, nello specifico 287 soggetti, ha richiesto - e, in gran parte ottenuto, altrettanto indebitamente - anche le indennità di disoccupazione involontaria, malattia, maternità e infortunio, per un totale di 855.649,88 euro erogati e percepiti e di 247.671,65 euro richiesti ma non erogati grazie alla scoperta dell’illecita attivita’.

Peraltro, e’ stata appurata anche una forma di raggiro danni degli stessi braccianti virtuali, dai quali gli pseudo-imprenditori, quale corrispettivo per il loro “interessamento” illecito, pretendevano e ottenevano (in contanti, per non lasciare traccia) una congrua parte delle indennità indebitamente percepite, asserendo che le somme di denaro servissero per risarcire i “contributi” versati nelle casse dell’inps e dell’inail.

 

In realtà, gli accertamenti hanno dimostrato che i suddetti imprenditori si erano soltanto limitati a “dichiarare” i lavoratori dipendenti, senza versare materialmente alcun contributo che, invece, trattenevano per sè, tenendo all’oscuro di ciò gli ignari “lavoratori”, così accumulando anche un debito contributivo nei confronti dell’inps di euro 332.485,38. Gli enti previdenziali hanno, quindi, subito un doppio nocumento: da un lato non hanno ricevuto i "contributi" mentre, dall’altro, hanno versato le indennità previste, ma non spettanti, per la tipologia dei soggetti richiedenti.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI