Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 12 Agosto 2020

Lamezia Terme - Giovanna Pizzi migliore sommelier della Calabria

E’ Giovanna Pizzi la migliore sommelier della Calabria proclamata ieri sera al termine del Congresso regionale dell’Associazione Italiana Sommeliers-AIS che si è svolto a Lamezia Terme nei saloni delle Cantine Statti. Trentenne farmacista reggina, la Pizzi si è aggiudicata il primato (e gli ambiti trofei di un “taste-vin” d’argento opera del maestro Gerardo Sacco e di una doppia magnum di “Mantonico” Statti) battendo gli altri finalisti al concorso “Miglior sommelier 2011”, Antonio Macheda di Fossato (Reggio Calabria) e il lametino Felice Cardamone che si sono aggiudicati, rispettivamente, una magnum di “Magno Megonio” Librandi e una di “Terraccia” Serracavallo.

Dal primo pomeriggio a tarda sera oltre cento sommelier hanno partecipato al congresso dell’AIS, un’assemblea che è valsa oltre che ad assolvere i doveri statutari dell’associazione a fare il punto sullo “stato dell’arte” dell’enogastronomia regionale.

“La ricorrenza del primo decennale dell’AIS-Calabria – sottolinea il presidente regionale dell’associazione, Gennaro Convertini – sancisce il successo ormai consolidato della più giovane sezione territoriale regionale d’Italia.” “La circostanza – aggiunge la sommelier professionista Maria Rosaria Romano, responsabile della didattica e dei corsi – è lusinghiera: conferma l’affidabilità e la credibilità dei sommeliers calabresi e premia un’organizzazione dinamica e vivace che conta attualmente nella regione 510 iscritti, centinaia di sommelier che hanno completato il percorso formativo ed ha in svolgimento tredici corsi in tutta la regione con 200 aspiranti sommelier”.

L’appuntamento congressuale è stato contrassegnato dalla cerimonia di consegna degli attestati a 30 nuovi sommelier ed ha messo in campo l’intera squadra al vertice dell’organizzazione. Ad affiancare Convertini, sette punti di riferimento territoriali, la delegata di Cosenza, Maria Rosaria Romano, di Reggio Calabria, Francesco Saccà, della Locride, Pier Francesco Multari, di Lamezia Terme, Felice Cardamone e gli incaricati di Vibo Valentia, Elena Ichino, di Crotone, Francesco Bonesse e di Catanzaro, Giancarlo Rafele, nonché il responsabile regionale “sommellerie”, sommelier, Alfonso Verta e il responsabile della comunicazione, il giornalista-sommelier Gianfranco Manfredi.

Ma il meeting è stato anche occasione per un’approfondita degustazione di cinque interpretazioni del vitigno mantonico, ideata e realizzata da Girolamo Grisafi e curata nel servizio da William Greco e per discutere delle ultime novità sul fronte enogastronomico locale.

Da pochi giorni, del resto, all’Associazione dei Sommeliers si è affiancata – una sorta di “spin-off” dell’AIS – la sezione calabrese dell' ONAF, l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi. Giusto tre giorni fa a Cosenza, i primi 28 assaggiatori ufficiali hanno ricevuto ufficialmente l'investitura dal presidente nazionale Carlo Adami e dal vicepresidente Maria Sarnataro presso la sede regionale dell'AIS. Nella stessa occasione è stato nominato il delegato provinciale Antonio Fusco ed il comitato direttivo composto dai signori Guseppe Salvatore Grossociponte, Vincenzo Avolio, Giuseppe De Tursi, Giancarlo Rafele e Gianfranco Iannuzzo.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI