Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:705 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1429 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:954 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1657 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2407 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1921 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1911 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1863 Crotone

Platania - Nel corso della cerimonia in ricordo del poeta Felice Mastroianni, premiati i giovani

Foto autorità al concorso[1]

 

«Una serata magica e grande per la sua semplicità», quella di domenica sera a Platania. Così l’ha definita l’onorevole Doris Lo Moro, presente alla cerimonia di premiazione degli alunni della scuola media Mastroianni, del concorso letterario incentrato sullo svolgimento di un commento a una celebre poesia dal titolo “Il mio paesello”.

La celebrazione della messa, in suffragio del poeta platanese Felice Mastroianni, presieduta da don Vittorio Dattilo, ha dato il via all’intera manifestazione.

I protagonisti della splendida serata, presentata da Ornella Raso, sono stati i più giovani di Platania. Sono stati premiati, infatti, rispettivamente per ogni classe, i primi tre classificati e, precisamente, per le classi prime: 1° Lucrezia Nicolazzo; 2° Pasquale Giuliano; 3° Francesco Perri. Per le seconde: 1° Rebecca Gigliotti; 2° Mariachiara Torchia; 3° Antonio Orrore. Per la terze: 1° Annalisa Cimino; 2° Eleonora Cappello; 3° Ylenia Gigliotti.

Gli alunni sono stati avviati alla conoscenza del poeta e delle sue liriche, con competenza e professionalità, dalle professoresse Angela Nero e Rossella Ferrise.

«Siamo qui - ha esordito don Vittorio Dattilo, alunno del poeta, negli anni 50, alla vecchia scuola media Ardito - nella posizione di chi lo vuole ricordare e studiare come dono di Dio, in quanto la poesia che ci aiuta a capire la vita e la bellezza. I poeti, poi, sanno comunicare con i versi ciò che noi, a volte, non sappiamo esprimere, perché essi, ne sono convinto, hanno lo spirito più vicino a Dio. Il professore Mastroianni, inoltre, non era un presuntuoso e si avvicinava alle persone con umiltà, riservatezza e rispetto. Profondo conoscitore dell’animo, quando bisognava dare dei giudizi su fatti o persone, ricercava sempre la verità, che diventava per i suoi allievi un segno luminoso da seguire per trovare i valori della vita, della famiglia e della fede».

«È bene ricordare con orgoglio che Platania - ha evidenziato il parroco don Pino Latelli - ha dato i natali a Felice Mastroianni, un uomo di grande semplicità, umiltà, umanità e di grande cultura, soprattutto classica. Senza ombra di dubbio, è uno di quei calabresi che, con Franco Costabile, Lorenzo Calogero e pochi altri, hanno lasciato un segno indelebile nella poesia del Novecento. È necessario e doveroso, perciò, per tutti noi riscoprire i suoi componimenti esortando le nuove generazioni allo studio del “poeta mediterraneo”, il cui pensiero poetico è di straordinaria attualità e modernità».

A tal proposito, in preparazione alla visita pastorale di Papa Benedetto XVI in Calabria e al fine di sollecitare lo studio della poesia di Mastroianni, la parrocchia e il comune di Platania hanno indetto un concorso letterario rivolto agli alunni di ogni ordine e grado sul tema: “Fede e spiritualità in Felice Mastroianni”, riferite al celebre passo della Trilogia Neoellenica “Disarmato” vv. 5-7 «Leggete dentro il mio cuore:/ troverete due nomi:/ Dio e poesia».

La manifestazione, alla quale erano anche presenti il sindaco Carlo Conte e l’assessore alla cultura Luigino Scanga, è stata arricchita da un “Omaggio musicale” in onore del poeta Felice Mastroianni, eseguito dal celebre soprano solista lametino Enza Mirabelli, accompagnata al pianoforte dal maestro Pietro De Fazio. I due artisti lametini, attraverso la musica, hanno creato una atmosfera di toccante coinvolgimento emotivo, sottolineato da calorose ovazioni ed unanimi consensi. La manifestazione si è conclusa sulle soavi note dell’Ave Maria di Schubert.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI