Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 25 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:505 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1241 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1977 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1508 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1486 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1455 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1729 Crotone

Il vescovo Ciliberti ricorda Giovanni Paolo II

Era il 16 di ottobre del 1978, quando, con Giovanni Paolo II sorgeva un'alba nuova per la storia dell'umanità e della Chiesa al grido di "non abbiate paura, spalancate le porte a Cristo"!

Con la tempra del lottatore, il 22 di quello stesso mese, diede inizio alla sua missione apostolica, orientata al rinnovamento della Chiesa e dell'umanità.

Erede del Concilio Ecumenico Vaticano II, che contempla la Chiesa come "mistero di comunione", Egli, nella linea della continuità, si adoperò dal di dentro a purificarla, perché fosse senza macchia né ruga la sposa bella di Gesù Cristo, e l'intera umanità l'accogliesse come sacramento di salvezza.

Dopo 27 anni di pontificato, la Chiesa di Cristo è più bella che mai, nonostante i suoi limiti e il peccato dei suoi figli. Infatti, da ogni angolo del mondo, per merito di questo Papa, ad essa si guarda come al grembo di una madre operosa in cui gli uomini si riconoscono fratelli. Davvero essa è il sacramento di unità per i popoli di tutta la terra!

Fu un uomo vero, dalla tempra robusta, dall'intelligenza vivida e dalla volontà forte. Personalità poliedrica ed armoniosamente acculturata: fu uno sportivo intrepido e scalatore gagliardo, poeta raffinato ed attore provetto, sottile filosofo e teologo apprezzato.

Lavoratore indefesso, sperimentò la gioia sofferta della fatica dell'umile operaio, lottò contro gli uomini per fare la volontà di Dio.

Sulla ricchezza di tanta umanità, irruppe l'onnipotenza dello Spirito per modellare il capolavoro del suo amore. Karol, chiamato alla sequela di Cristo, di Lui fu riproposizione incarnata. Per questo il Signore lo volle successore di Pietro, suo Vicario in terra.

Giovanni Paolo II ha scardinato muri invalicabili, segni paurosi di antiteche e contraddittorie ideologie, ha sradicato dall'animo di tanti popoli atavici preconcetti e, irradiando la luce del Vangelo, ha lasciato chiaramente intravedere a tutti che l'umanità è la grande famiglia dei figli di Dio.

Per ricompattare nell'unità il popolo di Dio, Egli ha percorso per 29 volte il giro virtuale del mondo, effettuando più di 100 viaggi apostolici nei quali non solo ha indicato Gesù Cristo come l'unico Salvatore, ma lo ha reso visibile attraverso la sua testimonianza.

Egli ha distribuito la ricchezza del Vangelo nel mondo attuale, educando i giovani a credere col fare. In 85 anni Di giovinezza spirituale ha intrecciato con essi un feeling inscindibile che lega la nuova umanità alla speranza. E la speranza per i “papaboys” non è soltanto l'attesa di un domani migliore, ma la certezza che quel domani e già nell'oggi della storia, perché Cristo in essa ha fatto irruzione, ed essi ce l'hanno vivo del cuore.

La sua beatificazione ci riempie il cuore di vera gioia!

 

 

+ Antonio Ciliberti, Arcivescovo

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI